AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Luglio 2019
Ci sono 234 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Articoli marcati con tag ‘Buchi Neri’

200181_web-340x340
Letto 4.880 volte - Nessun commento
Si chiama Event Horizon Imager ed è la nuova frontiera dell’osservazione dei buchi neri: una rete di radiotelescopi in orbita attorno alla Terra che permetterà di raggiungere risoluzioni angolari cinque volte superiori a quelle ottenute dall’Event Horizon Telescope. L’idea è dei ricercatori della Radboud University che, insieme all’Esa e ai ricercatori coinvolti in Eht, hanno già testato la fattibilità tecnologica e simulato le future osservazioni.
3_V404-Cygni
Letto 5.478 volte - Nessun commento
V404 Cygni, sistema binario formato da una stella e da un buco nero, è particolare a causa di un evidente disallineamento tra il disco di materiale e il buco nero la centro. Quest’ultimo emette lampi di luce improvvisi e intensi, ma è la prima volta, però, che vediamo un getto di materia accelerato da un buco nero cambiare direzione in poche ore. Allo studio pubblicato su Nature ha partecipato anche Tomaso Belloni dell’Inaf di Brera
elements-1
Letto 6.071 volte - Nessun commento
STELLA DI NEUTRONI O BUCO NERO? Che tipo di oggetto celeste è rimasto da quello che è stato il primo evento di fusione di due stelle di neutroni mai rilevato contemporaneamente, nelle onde gravitazionali e in quelle elettromagnetiche? La risposta prova a darla un articolo basato su una nuova analisi dei dati dell’interferometro Ligo
quasar-brightest-1
Letto 6.201 volte - Nessun commento
Trovato a 12 miliardi di anni luce dalla Terra un quasar che divora ogni due giorni una massa equivalente a quella del nostro Sole. Se si trovasse al centro della nostra galassia, apparirebbe dieci volte più luminoso di una luna piena e renderebbe impossibile la vita sulla Terra per via dell’enorme quantità di raggi X irradiati. Tutte le informazioni sull’oggetto sono riportate sulla rivista Pasa
quasar20171206
Letto 7.887 volte - Un Commento
Quello scoperto dai ricercatori – fra i quali Roberto Decarli dell’Inaf di Bologna – è un quasar talmente luminoso da brillare come 40 mila miliardi di stelle simili al Sole. Oggetti a redshift così elevati (in questo caso, z = 7.54) possono fornire preziose informazioni anche sull’evoluzione della galassia ospite
black-hole
Letto 5.487 volte - Nessun commento
Dove sono i buchi neri di massa intermedia che ancora fatichiamo a trovare nell’universo? Uno studio recentemente pubblicato da due ricercatori in Israele e negli USA prova a dare una risposta. Con il commento di Mario Spera, ricercatore dell’Inaf a Padova
rsmbh_label
Letto 6.663 volte - Nessun commento
Individuato un buco nero che, insolitamente, non si trova al centro della galassia che lo ospita, ma è spostato. Come se indietreggiasse. L’ipotesi è che a dargli una spinta siano state le onde gravitazionali emesse dalla fusione di due galassie in collisione.
pia20697-nolabels
Letto 3.507 volte - Nessun commento
La precessione interna a dischi di accrescimento: Vortici gravitazionali intorno a un buco nero per la prima volta osservati da XMM-Newton dell’ESA con l’ausilio del Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) della NASA.
99a55ddf297fe1c0e5cd25b32402e97a_XL
Letto 3.028 volte - Nessun commento
Un gruppo internazionale di astronomi ne ha trovato uno supermassiccio, di ben 17 miliardi di masse solari, in una galassia non lontana dalla nostra. La scoperta mostra che questi oggetti celesti sono forse più diffusi del previsto.
buchi neri bagno schiuma
Letto 10.145 volte - Nessun commento
ovvero L’enigma di Einstein. Un approccio autorevole, e spiccatamente originale, alla spiegazione delle basi e delle sottigliezze della teoria della relatività generale di Einstein e all’astrofisica dei buchi neri.
140404085807-large
Letto 3.474 volte - Nessun commento
Il destino della nube di gas e polveri denominata G2 è ormai segnato: da un giorno all’altro assisteremo al suo incontro ravvicinato con il buco nero al centro della nostra galassia. E quest’evento unico ci permetterà di scoprire diverse cose sull’evoluzione dei buchi neri supermassicci
Black_Hole_Milkyway
Letto 3.657 volte - Nessun commento
Dal collasso delle stelle supermassicce sarebbero rimasti dei “semi” di forma sferica attorno ai quali avrebbero orbitato frammenti ad alte temperature. Da questi frammenti sono nate le prime coppie di buchi neri, la cui interazione ha poi dato vita a quelli di massa superiore. Lo studio su Physical Review Letters.
Black_Hole_Sim_Labeled
Letto 3.192 volte - Nessun commento
Una nuova scoperta conferma i sospetti degli astronomi su come i buchi neri di massa stellare producano la loro radiazione a più alta energia. I raggi X soft prodotti dal riscaldamento dei gas nel disco di accrescimento vengono “amplificati” da un corona che ruota a velocità prossime a quella della luce.
Andromeda buchi neri
Letto 3.254 volte - Nessun commento
Utilizzando i dati dell’Osservatorio orbitante Chandra della NASA, gli astronomi hanno scoperto una concentrazione senza precedenti di buchi neri di massa stellare nella Galassia di Andromeda, una delle galassie più vicine alla Via Lattea. Ne hanno trovato 26 nuovi, che vanno ad aggiungersi a nove già scoperti in precedenza.
Galactic_centre_node_full_image
Letto 3.253 volte - Nessun commento
Non è la prima volta che accade e non sarà neanche l’ultima. Il buco nero super massiccio Sagittarius A* è stato appena colto in flagrante durante uno dei suoi rari ‘spuntini’ a base di gas. Secondo i dati raccolti il fenomeno dovrebbe ripetersi di nuovo entro la fine dell’anno.
wise
Letto 3.230 volte - Nessun commento
Escono su ApJ i primi risultati scientifici dalla survey di WISE, la sonda in infrarosso della NASA. Mostrano milioni di buchi neri supermassici mai osservati prima. E un migliaio di galassie, battezzate «hot DOG», centomila miliardi di volte più luminose del Sole.
blazars-580x317
Letto 4.444 volte - Nessun commento
Identificati oltre 200 blazar su 300 sorgenti gamma finora inspiegate grazie alle immagini in infrarosso provenienti dal telescopio spaziale WISE della NASA.
ann1121b_L
Letto 5.547 volte - 2 Commenti
Una flotta di veicoli spaziali, tra cui gli Osservatori Spaziali dell’ESA XMM-Newton e Integral, ha mostrato dettagli senza precedenti nei pressi di un buco nero supermassiccio che rivelano enormi ‘proiettili’ di gas espulsi dal ‘mostro gravitazionale’.
imagesCA9TNWBR
Letto 4.575 volte - Nessun commento
I buchi neri ruotanti fanno fare le “piroette” alla luce che li attraversa. A provare questa proprietà delle onde elettromagnetiche, chiamata vorticità, è uno studio internazionale guidato da Fabrizio Tamburini, dell’Università di Padova. Importanti le ricadute per la ricerca astrofisica e le telecomunicazioni.
[archive]