Osserviamo il Mare Tranquillitatis – parte 1

In questo numero ripartiamo da dove ci eravamo fermati il mese scorso, cioè dall'area del cratere Vitruvius in prossimità del settore nordest del mare Tranquillitatis.

Guida all’osservazione: “Dal settore sudest verso nord” – Parte 12

Come già anticipato nel precedente articolo, questo mese si riparte dal margine occidentale del mare Tranquillitatis e andremo a visitare i crateri Julius Caesar, Sosigenes, Maclear, Ross, Plinius e Dawes, con le loro rimae e i loro dintorni.

Le dimensioni delle strutture lunari: Sinus Iridium, Appennini e cratere Clavius

Nel numero 253 di Coelum Astronomia, Francesco Badalotti ci ha fatto iniziare un viaggio tra le dimensioni delle strutture lunari, riportandoci e riportandole, direttamente sulla Terra, per metterle a confronto con mari, laghi e regioni terrestri. Il viaggio prosegue in queste pagine e, in questa puntata, un trio di veri Vip lunari: il Sinus Iridium, gli Apennini lunari e il grande cratere Calvius!

Guida all’osservazione: “Dal settore sudest verso nord” – Parte 11

Al termine del lungo viaggio che ci ha consentito di attraversare una regione dominata dai vastissimi altipiani delle estreme regioni sudorientali, spostandoci poi sempre più in direzione nord, il target di questo mese sarà il lato sudoccidentale del mare Tranquillitatis.

Aggiornamento supernovae aprile 2021

Nella speranza di riprendere il prima possibile la normale programmazione mensile dei numeri della rivista, continuiamo sul sito la pubblicazione della rubrica supernovae per raccontare gli eventi più significativi e interessanti che si verificheranno nei prossimi mesi.

Perseidi, le stelle cadenti estive

Le Perseidi sono forse lo sciame più noto, sarà la stagione calda che invoglia a passare la notte all'aperto stesi su un prato, ma le Lacrime di San Lorenzo, come vengono anche chiamate, per la quantità di scie visibili anche all'occhio meno esperto sono le stelle cadenti più attese.

Eclissi Totale di Luna 2018. Progetto Longitudine, un’esperienza didattica.

L'eclissi totale di Luna del 27 luglio ci offrirà per più di un'ora e quaranta minuti l'opportunità di assistere a un spettacolo straodinario, di fare osservazioni al telescopio, riprese fotografiche di paesaggio e ad alta risoluzione, ma anche di fare qualche esperimento e attività didattica. Ad esempio partecipare a un progetto fornendo immagini che serviranno a studenti e appassionati di calcolare la longitudine geografica da cui è stata effettuata un'immagine studiando l'effetto di parallasse su più immagini.

Luna in fase di 9/10 giorni. Osserviamo la Palus Epidemiarum

Approfittando del passaggio del terminatore in zona, osserviamo in due notti distinte la Palus Epidemiarum. Un'osservazione consigliata per le notti dell 22 e 23 luglio 2018, ma ripetibile ogni volta che la Luna si trova nelle stesse condizioni di illuminazione!

Tempesta su Marte. E se provassimo a osservarla?

Il 27 luglio prossimo Marte raggiungerà l'opposizione, e quella di quest'anno sarà una Grande Opposizione, una di quelle che si hanno l'occasione di osservare poche volte in una vita. Ma proprio in questi giorni, sulla superficie marziana, imperversa un'enorme tempesta, anche questa come poche ne abbiamo viste attraverso gli occhi robotici delle sonde inviate sul Pianeta Rosso. E quindi? Addio formazioni marziane al telescopio e nelle nostre riprese? Non lo sappiamo... ma intanto, così come i ricercatori, anche noi abbiamo la possibilità di provare a seguire l'evolvere della tempesta!

Nasce REEGO, un nuovo Collimatore targato AE

0
REEGO (leggi rigo) è un collimatore LED di nuova generazione: versatile e multiuso, è compatibile con quasi tutti i telescopi in commercio e con pressoché ogni schema ottico diffuso.

La Luna di Dicembre 2017 e una guida all’osservazione di Langrenus, Vendelinus, Petavius, Furnerius

I target di questo mese: I crateri Langrenus, Vendelinus, Petavius, Furnerius. Dalla "Cauda Pavonis": il cratere Arzachel. Le Rimae Sirsalis. Come sempre le indicazioni sono utilizzabili in qualsiasi momento dell'anno in cui la Luna si trovi nelle stesse condizioni di iluminazione.

La Luna di Novembre 2017 e una guida all’osservazione di Aristoteles, Eudoxus e Alexander

Guida all'osservazione della Luna di Novembre, tanti consigli da conservare validi sempre!

Eclissi di Sole. 30 giugno 1973, Atar, Mauritania.

Il 21 agosto 2017 un'eclissi di Sole attraverserà gli Stati Uniti. Sarà l'eclissi più osservata (direttamente o in streaming) di sempre. La fase di totalità comincia quando il bordo lunare avanzante tocca il bordo del Sole opposto a quello dal quale è “entrata” e finisce subito dopo che la Luna comincia a scoprire il Sole eclissato. In quel momento si comincia a rivedere la fotosfera ed è un momento sorprendente, perché per pochi istanti della fotosfera si vede un sottile mezzo anello e un’esplosione di luce. Come se fosse un anello con un grande e splendente diamante. E così è stato chiamato: anello di diamante. Una cosa che conclude, quasi un finale pirotecnico, la grande visione della corona. Noi astronomi, naturalmente, anche se ci piace definire “affascinante” lo spettacolo offerto da un’eclisse totale, abbiamo ormai perso la possibilità (stavo per scrivere la grazia) di provare l’emozione che, invece, riempie di autentica meraviglia chi non vi sia preparato.

PERSEIDI 2017. La notte delle stelle cadenti.

Ogni anno quello delle Perseidi è un appuntamento fisso e molto atteso sia dagli appassionati ed astrofili sia per le persone comuni. Lo spettacolo offerto dalle "Lacrime di San Lorenzo" (così sono, talvolta, chiamate) infatti è in grado di attirare gli occhi al cielo anche di chi, normalmente, il cielo non lo osserva. Ed ecco quindi che migliaia di persone, nella notte di San Lorenzo, rimangono con il naso all'insù, nella speranza di vedere qualche brillante meteora (e magari, come da tradizione popolare, esprimere un desiderio).

Il Solstizio Estivo

Il solstizio estivo segna l'inizio dell'estate astronomica. Per convenzione il 21 giugno segna l'inizio dell'estate, ma astronomicamente non è sempre così...

Una supernova luminosa in NGC 6946 a 100 anni dalla prima scoperta

Non si tratta di una galassia del Catalogo Messier, ma è come se lo fosse... e questa nuova scoperta, la più luminosa al momento del 2017 visibile dall'emisfero nord, festeggia anche i 100 anni dalla prima supernova avvistata in questa pirotecnica galassia.

Primavera in arrivo, tempo di Maratona Messier!

La sfida: osservare tutti i 110 oggetti del catalogo Messier in una notte. Il periodo giusto: fine marzo, inizio aprile.

MERAK e il “Gruppo in moto” dell’Orsa Maggiore

In netto contrasto cromatico con Dubhe, dalla quale è separata esattamente 5°, è Merak (Beta UMa) che, splendendo di magnitudine 2,34, si colloca al quinto posto tra le stelle più luminose della costellazione; il nome deriva dall'arabo Al-marakk, “il fianco”.

Opposizione di Marte 2016

Il pianeta rosso mai così vicino alla Terra da 10 anni a questa parte. Tutte le informazioni per l'osservazione e la ripresa!

In difesa della Luna

Sarebbe forse ora di tornare a guardarla; non perché è rimasto l’ultimo target astronomico per gli appassionati di città, ma semplicemente perché è la terra celeste più vicina a noi.
Rome
cielo sereno
24.5 ° C
26.6 °
23.7 °
46 %
4.6kmh
0 %
Mar
23 °
Mer
25 °
Gio
26 °
Ven
27 °
Sab
22 °

Ultime News dal sito

Seguici su Instagram!