Tempo di lettura: 3 minuti

Il team ShaRA è entusiasta di annunciare che lo scatto “il Divoratore di Galassie” è stato inserito nella lista dei finalisti al prestigioso concorso Astronomy Photographer of the Year 2024.

Il Royal Greenwich Museum ha pubblicato la lista dei finalisti del prestigioso concorso noto per celebrare l’eccellenza nell’astrofotografia a livello mondiale e che prevede diverse categorie e premi in denaro, fino a 10.000 sterline, nonché una folta partecipazione con molta competizione (più di 3500 partecipanti a questa sedicesima edizione).

La proclamazione dei vincitori avverrà il 14 settembre 2024 durante un evento online ed una cerimonia al museo, dove verranno esposte per un anno intero le migliori astrofotografie del concorso.

La redazione di Coelum si unisce all’entusiasmo dei membri dello ShaRA team per il fantastico risultato ottenuto. Entrare nella classifica dei finalisti del concorso Astronomy Photographer of the Year 2024 è già di per se un prestigioso obiettivo raggiunto, a confermare, semmai ce ne fosse bisogno la bravura espressa dal team.

Non solo bravura ma anche passione, condivisione, divertimento, tutto in una formula studiata da Alessandro Ravagnin, astrofotografo e autore di Coelum, fondatore del progetto ShaRA motivato da una curiosità infinita e dalla volontà di cimentarsi in nuove e sempre più affascinati sfide. Volontà e interesse che ha saputo trasmettere con sapienza anche agli altri membri che va ricordato sono fra i migliori astrofotografi d’Italia.

ShaRA team
The Galaxy Devourer © Alessandro Ravagnin – Astronomy Photographer of the Year 2024 Galaxies

Ed ecco l’immagine finalista, si tratta di una ripresa di CG4 “Cometary Globule 4” ovvero una nebulosa che per la sua forma allungata appare come una cometa. Abbiamo raccontato la storia dello scatto della Spin Nebula come l’hanno soprannominata gli stessi membri del gruppo in COELUM n°263 del 2023 nell’articolo ShaRA#4.

Ricordiamo che l’immagine finale, “Il divoratore di Galassie” ottenuta dalla ShaRA Team è il risultato del Superstaking, tecnica sviluppata proprio dallo ShaRA team per dare vita ad un’immagine frutto del mix pesato su una votazione di qualità dei contributi di tutti i membri.

ShaRA team
Anteprima della pubblicazione in Coelum 263 dei contributi dei singoli partecipanti

Gli scatti arrivano dal Chilescope e sono la somma di due riprese, una effettuata con il Telescopio 3, un Newton da 500mm F73 e la seconda con il telescopio da un metro di diametro.

Ecco il commento di Alessandro Ravagnin alla notizia: “Sono entusiasta di annunciare che il team ShaRA ha ottenuto un risultato straordinario, pubblicato questa mattina sul prestigioso sito del Royal Greenwich Museum e ripreso da importantissime testate internazionali! La foto “The Galaxy Devourer” è entrata nella shortlist del concorso Astronomy Photographer of the Year 2024. Il concorso, noto per celebrare l’eccellenza nell’astrofotografia a livello mondiale, prevede diverse categorie e premi in denaro, fino a 10.000 sterline, nonché una folta partecipazione con molta competizione (più di 3500 partecipanti a questa sedicesima edizione). La proclamazione dei vincitori avverrà il 14 settembre 2024 durante un evento online ed una cerimonia al museo, dove verranno esposte per un anno intero le migliori astrofotografie del concorso

CG4 (Cometary Globule 4) è un complesso di nebulosità e polvere dalla forma molto particolare, situato nella costellazione australe della Poppa. La ‘testa’ del verme galattico ha dimensioni di circa 1,5 anni luce, mentre la propaggine che segue la testa, e che è diretta nella direzione opposta rispetto al resto della famosa supernova Vela, ha una lunghezza di circa otto anni luce.

I membri del gruppo che hanno contribuito a questo scatto: Marcella Botti (Italia), Vikas Chander (India), Massimo Di Fusco (Italia), Aygen Erkaslan (Svizzera), Marco Firenzuoli (Italia), Vincenzo Fiore (Italia), Vincenzo Fermo (Italia), Antonio Grizzuti (Italia), Andrea Lorio (Italia), Vittorio Liberti (Italia), Rolando Ligustri (Italia), Donato Lioce (Francia), Antonio Loro (Italia), Giampaolo Michieletto (Italia), Gianluigi Pazienza (Italia), Christian Privitera (Italia), Alessandro Ravagnin (Italia), Francesco Tiano (Italia), Cristiano Trabuio (Italia), Egidio Vergani (Italia)

La redazione di Coelum si unisce all’entusiasmo e al coro dei tanti complimenti tutti più che meritati!

L’elenco delle altre immagini in concorso è disponibile nel sito ufficiale https://www.rmg.co.uk/whats-on/astronomy-photographer-year/galleries/shortlist-2024