Tempo di lettura: 3 minuti

Anelli attorno al centauro Chariklo: nuove scoperte e implicazioni

Introduzione

Nel 2014, la scoperta di due anelli attorno al centauro Chariklo ha rivoluzionato la nostra comprensione dei sistemi di anelli nel Sistema Solare. Chariklo, un corpo ghiacciato di circa 250 km di diametro che orbita tra Saturno e Urano, è diventato il primo oggetto trans-nettuniano ad ospitare un sistema di anelli. La sua esistenza ha aperto nuove domande sulla formazione e l’evoluzione di questi sistemi in ambienti diversi da quelli dei giganti gassosi.

Caratteristiche degli anelli

I due anelli di Chariklo, denominati Oiapoque e Chui, sono sorprendentemente sottili e densi. Oiapoque, l’anello più esterno, ha una larghezza di circa 7 km e si trova a una distanza di circa 400 km dal centro di Chariklo. Chui, l’anello più interno, è largo circa 3 km e orbita a 340 km dal centro. Entrambi gli anelli sono composti da particelle di ghiaccio dacqua di dimensioni micrometriche.

Nuove osservazioni e analisi

Recenti osservazioni condotte con il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO hanno rivelato nuovi dettagli sugli anelli di Chariklo. Le osservazioni hanno mostrato che gli anelli sono molto più complessi di quanto si pensasse in precedenza. Oiapoque, l’anello più esterno, presenta una struttura a due corsie, con una banda più densa all’interno e una più rarefatta all’esterno. Chui, l’anello più interno, è più omogeneo, ma presenta alcune zone più luminose e altre più scure.

Un piccolo satellite potrebbe aver modellato gli anelli

Un nuovo studio, pubblicato su Physical Review Letters, suggerisce che un piccolo satellite potrebbe aver contribuito a modellare gli anelli di Chariklo. Lo studio simula l’interazione tra un satellite di dimensioni chilometriche e gli anelli e mostra che il satellite potrebbe aver creato la struttura a due corsie di Oiapoque e le zone luminose e scure di Chui.

Anelli simulati attorno a Chariklo da questa ricerca, con un satellite di circa 3 chilometri di raggio in una risonanza di movimento medio 6:5. Le particelle dell’anello sono mostrate in bianco. Due anelli sono vincolati all’incirca nelle stesse posizioni e con le stesse larghezze di quelli osservati a Chariklo. L’anello interno è asimmetrico attorno a Chariklo, il che è anche coerente con i dati sull’occultazione stellare di Chariklo. Il nostro software modella milioni di particelle ad anello in una cellula, quindi questa immagine è stata creata unendo insieme i valori delle cellule in momenti diversi nel corso di un periodo orbitale. Credito: Sickafoose e Lewis (2024).

Implicazioni

Le nuove scoperte sugli anelli di Chariklo hanno importanti implicazioni per la nostra comprensione dei sistemi di anelli nel Sistema Solare. La loro complessità suggerisce che questi sistemi potrebbero essere più comuni di quanto si pensasse in precedenza e che la loro formazione potrebbe essere un processo più complesso di quanto si credeva. La scoperta di un possibile satellite che ha modellato gli anelli di Chariklo apre ancora nuove possibilità ad un quadro già difficile da districare.

Conclusioni

Gli anelli di Chariklo sono un sistema affascinante e complesso che ci sta insegnando molto sulla formazione e l’evoluzione dei sistemi di anelli nel Sistema Solare. Le future ricerche, con l’aiuto di telescopi come il James Webb Space Telescope, continueranno a svelare i segreti di questi anelli unici e a far luce sulla loro formazione e sul loro ruolo nell’evoluzione del Sistema Solare.

L’articolo sulle nuove scoperte in merito agli anelli di Chariklo è qui: https://iopscience.iop.org/article/10.3847/PSJ/ad151c

Vuoi essere sempre aggiornato sul Cielo del Mese?

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!