Home Articoli e Risorse On-Line Astrofotografia Arco di luce rosso sangue nel cielo scandinavo

Arco di luce rosso sangue nel cielo scandinavo

Letto 639 volte
0
Un primo piano della luce rossa che attraversa il cielo notturno. (Credito immagine: Ruslan Merzlyakov)
Tempo di lettura: 2 minuti

Un fiume di nebbiosa luce rossa si è allungato nel cielo notturno sopra la Danimarca dopo che la più potente tempesta solare degli ultimi sei anni si è abbattuta sul nostro pianeta. Il raro fenomeno però non è un’aurora.

Una striscia di luce rossa brillante è apparsa nel cielo sopra la Scandinavia la scorsa settimana dopo che una tempesta solare a sorpresa si è abbattuta sulla Terra e ha innescato aurore mozzafiato in tutto il pianeta. Ma la fascia rosso vivo non era un’aurora: era qualcosa di molto più raro. 

La striscia, che appariva come un fiume di luce rossa nebbiosa che si estendeva per tutto il cielo notturno, è stata ben visibile sopra la Danimarca. L’astrofotografo Ruslan Merzlyakov ha catturato uno scatto spettacolare dell’insolito spettacolo di luci del 23 marzo sopra Møns Klint, una serie di scogliere calcaree sull’isola danese di Møn nel Mar Baltico. 

L’insolito fenomeno è noto come stable auroral red arc (arco rosso aurorale stabile SAR), tuttavia nonostante il nome, non si tratta di un’aurora, quanto invece di un fenomeno prodotto dalla luce che viene emessa dalle molecole di ossigeno nell’atmosfera superiore surriscaldate dalla corrente dell’anello terrestre, un enorme anello carico che circonda il nostro pianeta.

Il SAR ha coinciso con la più potente tempesta geomagnetica che ha colpito la Terra negli ultimi sei anni, innescata da un’espulsione di massa coronale a sorpresa – una massa gigantesca e in rapido movimento di plasma e campo magnetico rilasciata dal sole – che è stata espulsa da un enorme buco nel Sole.

Durante le aurore, le particelle altamente energetiche delle tempeste solari e del vento solare aggirano il campo magnetico terrestre , o magnetosfera, ed eccitano le molecole di gas nell’alta atmosfera. Questo crea luci vorticose e multicolori che fluiscono e rifluiscono nel tempo. I vari colori della luce provengono da diversi atomi, che emettono colori specifici quando sono eccitati.

Durante i SAR, l’energia del sistema di corrente ad anello, che circonda la magnetosfera, riscalda il gas nell’atmosfera superiore e lo fa risplendere come un’aurora. Per ragioni sconosciute, solo l’ossigeno viene riscaldato durante un SAR, il che significa che questi fenomeni emettono sempre la stessa identica tonalità di rosso.

I SAR in realtà si verificano abbastanza frequentemente, ma sono normalmente invisibili agli esseri umani perché sono troppo deboli e i nostri occhi sono scarsamente in sintonia con la lunghezza d’onda della luce rossa emessa dai SAR. Enormi strisce come quella sopra la Danimarca diventano visibili solo quando forti tempeste solari indeboliscono la magnetosfera, il che consente a più calore del sistema di correnti ad anello di entrare nell’atmosfera superiore.

Il SAR sulla Danimarca non è stato l’unico insolito spettacolo di luci osservato durante la recente tempesta solare. Il fenomeno simile all’aurora STEVE, un grande nastro di luce colorata che rimane sospeso nel cielo per un massimo di un’ora, è stato avvistato anche negli Stati Uniti e in parti del Regno Unito.

Fonte spaceweather.com