Home Articoli e Risorse On-Line Artemis I Splashdown – Domenica 11 Dicembre

Artemis I Splashdown – Domenica 11 Dicembre

Letto 675 volte
0
La fine è in vista per la storica missione Artemis I della NASA.

Il rientro della capsula Orion senza equipaggio di Artemis I è previsto per domenica pomeriggio (11 dicembre), un ammaraggio nell’Oceano Pacifico al largo della California del sud dopo 26 giorni di viaggio nello spazio vicino, fra la Terra e la Luna. 

La capsula Orion si è comportata molto bene fino ad oggi e i membri del team di Artemis I sono fiduciosi che il successo si protrarrà fino a domenica. Ma mai dare nulla per scontato.

“Non abbasseremo la guardia”, ha detto il responsabile della missione di Artemis, Mike Sarafin, durante una conferenza stampa giovedì pomeriggio (8 dicembre). “Abbiamo alcuni passaggi difficili da affrontare”.

In effetti, il ritorno a casa di Orion è una delle fasi più impegnative della missione Artemis I. La capsula entrerà nell’atmosfera terrestre domenica a circa 40.000 km/h, per fare un confronto sono circa 32 volte la velocità del suono!

In questa fase le temperature toccheranno punte di circa 5.000 gradi Fahrenheit (2.800 gradi Celsius), siamo praticamente a circa la metà della temepratura sulla superficie del Sole. Sarà lo scudo termico della capsula a dover sopportare tale carico termico, proteggendo il resto della navicella. Un test impressionante per lo scudo termico completamente nuovo e che non ha mai affrontato condizioni così estreme. Lo scudo, con una larghezza di 5 metri, è il più grande del suo genere.

Completion of Avcoat block bonding on Artemis II Heatshield

“Non esiste un arcjet o una struttura aerotermica qui sulla Terra in grado di replicare il rientro ipersonico con uno scudo termico di queste dimensioni”, ha detto Sarafin.

Se tutto va secondo i piani, Orion affonderà domenica intorno alle 12:40 EST (17:40 GMT,18:40 Roma) nell’Oceano Pacifico, al largo della costa occidentale della Bassa California. Il sito si trova a circa 480 km a sud della zona di atterraggio bersaglio originale, che era vicino a San Diego. La modifica è stata apportata per sfuggire alle previsioni meteorologiche avverse più a nord, hanno spiegato giovedì i membri del team della missione.

Una nave della Marina degli Stati Uniti, la USS Portland, attenderà nell’area per recuperare Orion e riportare la capsula a San Diego. Da lì, Orion si dirigerà verso il Kennedy Space Center della NASA in Florida, dove sarà sottoposto a un completo controllo post-volo. 

Qui il video delle prove di recupero tenute a settembre dalla Marina Militare

Sulla via del ritorno sulla Terra, Orion attraverserà anche un periodo di intense radiazioni causato dalle fasce di Van Allen per questo è stato progettato fin dall’inizio per garantire l’affidabilità dei sistemi essenziali del veicolo spaziale durante i potenziali eventi di radiazione e può diventare un rifugio antitempesta improvvisato quando i membri dell’equipaggio utilizzano materiali schermanti per formare una barriera contro le particelle energetiche solari.

Per la missione Artemis I senza equipaggio, Orion sta trasportando diversi strumenti ed esperimenti per comprendere meglio l’ambiente in cui i futuri equipaggi saranno immersi e per fornire informazioni preziose agli ingegneri per sviluppare ulteriori misure protettive. Esistono sensori attivi collegati all’alimentazione che possono inviare letture alla Terra durante il volo, nonché rilevatori passivi che non richiedono alcuna fonte di alimentazione per raccogliere informazioni sulla dose di radiazioni che verranno analizzate dopo il volo.

Il comandante Moonikin Campos (un manichino) è dotato di due sensori di radiazione, oltre a un sensore sotto il poggiatesta e un altro dietro il sedile per registrare l’accelerazione e le vibrazioni durante la missione. Il sedile è posizionato sdraiato con i piedi rialzati, per favorire il flusso sanguigno alla testa per i membri dell’equipaggio nelle future missioni durante la salita e l’ingresso. La posizione riduce anche la possibilità di lesioni consentendo alla testa e ai piedi di non muoversi o subire scossoni durante il decollo e l’atterraggio e distribuendo le forze su tutto il busto durante i periodi di accelerazione e decelerazione elevata, come lo splashdown.

Il manichino con indosso la tuta speciale progettata per Artemis

Le ipotesi prevedono che l’equipaggio sarà sottoposto a due volte e mezzo la forza di gravità durante la risalita e quattro volte la forza di gravità in due punti diversi durante il profilo di rientro pianificato. Gli ingegneri confronteranno i dati di volo di Artemis I con i precedenti test di vibrazione a terra con lo stesso manichino e soggetti umani, per correlare le prestazioni prima di Artemis II.

Oltre ai sensori sul manichino e sul sedile, Campos indossa una tuta pressurizzata Orion Crew Survival System di prima generazione, una tuta spaziale che gli astronauti indosseranno durante il lancio, l’ingresso e altre fasi dinamiche delle loro missioni. Anche se è progettata principalmente per il lancio e il rientro, la tuta Orion può mantenere in vita gli astronauti se Orion dovesse perdere pressione nella cabina durante il viaggio verso la Luna, durante la regolazione delle orbite nel Gateway o sulla via del ritorno a casa. Gli astronauti potrebbero sopravvivere all’interno della tuta fino a ben sei giorni! Lo strato di copertura esterno è arancione per rendere i membri dell’equipaggio facilmente visibili nell’oceano qualora dovessero aver bisogno di uscire da Orion senza l’assistenza del personale di recupero, e la tuta è dotata di diverse caratteristiche per vestibilità e funzionalità.

Orion è decollato su un razzo Space Launch System (SLS) il 16 novembre, dando il via alla missione Artemis 1 è poi scivolato nell’orbita lunare il 25 novembre ed è partito il 1° dicembre. Quattro giorni dopo, la capsula ha eseguito un’accensione del motore di 3,5 minuti durante un sorvolo ravvicinato della Luna per metterla in rotta verso la Terra.

Se l’11 dicembre tutto dovesse conludersi con il successo sperato la NASA potrà finalmente dedicarsi al secondo stadio della misione: Artemis II, con l’obiettivo di inviare astronauti in orbita intorno alla Luna sempre a bordo della capsula Orion. Periodo di riferiemnto 2024. Artemis III dovrebbe far sperare all’allunaggio nei pressi del polo sud lunare fra il 2025 e il 2026.

A seguire molte sono le missioni al vaglio tra cui stabilire un campo base Artemis proprio vicino al polo sud entro la fine degli anni ’20. E da li, negli anni ’30 puntare a Marte. Ma in tanto.. finger cross per domani!

Sul sito di Coelum sarà trasmessa la diretta dal canale Youtube della NASA.

Articolo precedenteTra stelle e comete, gli eventi astronomici natalizi all’Osservatorio di Capodimonte
Articolo successivo3° Night Sky Party by G.Fas.