AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Dicembre 2021
Ci sono 410 utenti collegati
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 7.689 volte
    Un Commento
    Commenta
    Dopo essere stata data per completamente dissolta al suo passaggio al perielio, qualcosa è riapparso nelle immagini della sonda SOHO, ancora presto per capire se si tratta solo di resti destinati a dissolversi o se una parte del nucleo si è davvero salvato.

    Ultimo aggiornamento delle 9:11 (TU) dal LASCO C3.

    La cometa in alto a sinistra nell'immagine della sonda STEREO

    Dopo averla vista affievolirsi poco prima di sparire dietro al disco di oscuramento del coronografo LASCO C2 della sonda SOHO, senza poi riapparire nel campo del Solar Dynamics Observatory dove gli scienziati la stavano “aspettando”, era stata data per spacciata. Evaporata.

    Ma qualcosa è sopravvissuto, e continua il suo cammino. Sono solo i resti della cometa destinati a dissolversi man mano che si allontanano dal Sole o una parte del nucleo è sopravvissuto?

    .

    Di sicuro nessuna cometa è mai stata seguita da così tanti appassionati nel suo avvicinamento al Sole, ne stiamo seguendo l’imprevedibile evoluzione (propria in realtà di questo genere di comete) praticamente in diretta assieme agli stessi scienziati. Di conseguenza non sappiamo ancora cosa è davvero successo e come si comporterà nei prossimi giorni.

    Per il momento possiamo solo stare ad aspettare…

    .
    .
    Qui a destra il passaggio al perielio nel campo del coronografo LASCO C2, mostra la cometa affievolirsi e riapparire, come una flebile scia, dall’altro lato.
    Più sotto un video che mostra l’intero giro di boa attorno al Sole aggiornato alle ultime immagini riprese dal LASCO C1 (che riprende un campo più ampio) mostra la cometa (o quel che ne resta) riprendere forma e intensificare la sua luminosità.

    Commenta

    Un Commento a “ISON, come la fenice risorta dalle sue ceneri?”

    1. Giorgia Hofer scrive:

      Ma come mai nessuno si interessa della Lovejoy C2013 R1?
      Attualmente ah aun amag visuale +5 e una coda di 10°…
      Che sia lei la cometa del secolo?
      Giorgia

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento