Home News di Astronomia ESOPIANETI a quota 5000 in trent’anni di osservazioni

ESOPIANETI a quota 5000 in trent’anni di osservazioni

Letto 172 volte
0

…E siamo a quota 5000!

Un traguardo cosmico dopo trent’anni di telescopi spaziali

È il 1995 e dall’Osservatorio di Ginevra viene annunciata l’ufficializzazione della scoperta del primo pianeta extrasolare di massa paragonabile a quella di Giove: si tratta di 51 Pegasi b collocato nella costellazione del Pegaso.

Oggi siamo giunti a oltre 5000!

Il “contachilometri planetario”, così definito dai tecnici NASA, si è arricchito ulteriolmente il 21 marzo con l’ultimo lotto di 65 esopianeti aggiunto all’archivio dell’agenzia spaziale americana. L’archivio registra le scoperte di esopianeti che appaiono in articoli scientifici sottoposti a revisione paritaria e che sono state confermate utilizzando più metodi di rilevamento o tecniche analitiche.

Chi più ne ha più ne metta

Gli oltre 5.000 pianeti trovati finora includono piccoli mondi rocciosi come la Terra, giganti gassosi (molte volte più grandi di Giove!) e “hot Jupiters” (cosiddetti “Giovi caldi”) in orbite ravvicinate attorno alle loro stelle.

Ci sono “super-Terre” (mondi rocciosi più grandi del nostro dove sarebbe possibile trovare forme di vita), così come “mini-Nettuno“! Aggiungete a questo mix anche pianeti in orbita attorno a due stelle contemporaneamente e pianeti ostinatamente in orbita attorno ai resti collassati di stelle morte.

Non perdere il video sul canale ufficiale NASA!

Scoperte non banali

«Non è solo un numero! Ognuno di loro è un nuovo mondo, un pianeta nuovo di zecca. Mi emoziono per tutti perché non sappiamo nulla di loro» afferma Jessie Christiansen, responsabile scientifico dell’archivio e ricercatrice presso l’Exoplanet Science Institute della NASA al Caltech di Pasadena.

La nostra galassia contiene potenzialmente centinaia di miliardi di tali pianeti. Il ritmo costante di scoperte degli ultimi trent’anni e l’arrivo di orbita di telescopi spaziali quali il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), lanciato nel 2018, e il più recente James Webb (JWST) promettono di incrementare questo numero in modo esponenziale.

Non perdere l’ultimo numero di Coelum con un ricco dossier sul JWST!

Gli oltre 5.000 esopianeti confermati finora nella nostra galassia includono una varietà di tipi: alcuni simili ai pianeti del nostro sistema solare, altri molto diversi. Tra questi c’è una misteriosa varietà conosciuta come “super-Terre” perché sono più grandi del nostro mondo e forse rocciose. Credit: NASA/JPL-Caltech

Fonti:

Cosmic Milestone: NASA Confirms 5,000 Exoplanets

Articolo precedenteSI SPEDISCE! In partenza il numero 255
Articolo successivoLa nuova esplorazione di Venere – n. 255 Coelum Astronomia