AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 156 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.112 volte
    2 Commenti
    Commenta
    Kepler- 16b come Tatooine di Guerre Stellari. La scoperta di un mondo che orbita attorno ad un sistema stellare binario.

    La missione Kepler della NASA ha individuato a 200 anni luce dalla Terra un pianeta circumbinario, ovvero orbitante attorno a due stelle, per la prima volta in modo diretto. Credit: NASA/JPL-Caltech/R. Hurt

    Il panorama fantascientifico del tramonto di due soli ravvicinati – come immaginato dal regista di Star Wars nel cielo di Tatooine, pianeta natale di Anakin e Luke Skywalker – forse non appartiene più solo al mondo della fantasia: i ricercatori della missione Kepler hanno annunciato la scoperta di un mondo che orbita attorno ad un sistema stellare binario, denominato Kepler-16b.

    Le analogie con Tatooine però finiscono qui: Kepler 16-b non è – a quanto se ne può dedurre dai metodi di rilevamento indiretto che hanno consentito la scoperta – un pianeta roccioso come la Terra, ma piuttosto un gigante gassoso tipo Saturno, con una massa circa un terzo e un diametro pari a tre quarti quelli di Giove.

    I tre corpi orbitanti uno attorno all’altro in una animazione di T. Pyle. Credit: NASA/JPL-Caltech/T. Pyle

    Il pianeta orbita in 225 giorni a 65 milioni di Km dai suoi soli, due stelle entrambe più fredde del Sole, una rossa di tipo K e una arancione di tipo M. Ha una temperatura stimata di –100°C, il che lo pone appena oltre la fascia di abitabilità delle stelle parenti ma, se possedesse una luna simile a Titano, il satellite gigante di Saturno, su questa potrebbero esistere teoricamente le condizioni di abitabilità.

    Kepler-16b è stato scoperto seguendo le periodiche variazioni di luminosità del sistema binario, dovute al transito sul globo stellare del disco scuro del pianeta: un metodo di per sé già abbastanza difficoltoso, complicato ulteriormente dal fatto che le stelle costituiscono una coppia binaria ad eclisse.

    La curva di luce di una stella binaria a eclisse. Quando la stella più piccola passa davanti a quella più grande abbiamo un'eclisse primaria, mentre abbiamo un'eclisse secondaria quando quella più grande occulta (parzialmente o totalmente) la più piccola. Credit: NASA.

    Curva di luce di Kepler-16b. Oltre alla classica curva di luce di una binaria a eclisse, in questo caso sono stati registrati due ulteriori picchi di luce, riapparire a intervalli di tempo apparentemente irregolari: questi hanno permesso di individuare con certezza e in modo diretto il pianeta. Credit: NASA.

    Altre risorse:

    Commenta

    2 Commenti a “Scoperto un esopianeta di un sistema stellare binario”

    1. Alessandro scrive:

      Non mi è chiara una cosa: ma di albe e tramonti, ce ne sono due? I due soli, cioè, tramontano e sorgono insieme o in tempi diversi?

    2. Alessandro scrive:

      A cosa serve “commentare” se nessuno risponde? Mah!

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento