AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Novembre 2020
Ci sono 280 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 6.386 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Un’immagine ad altissima risoluzione della zona in cui la sonda Osiris-Rex della NASA, effettuerà la raccolta di campioni dall’asteroide Bennu da riportare a Terra.

    Credits: Credits: NASA/Goddard/University of Arizona

    Ecco nei minimi dettagli tutta l’asperità di Nightingale, il sito prescelto dalla NASA da cui la sonda OSIRIS-REx raccoglierà i campioni da riportare a Terra di Bennu, l’asteroide target della missione. L’immagine è un mosaico creato con le immagini raccolte dalla sonda lo scorso 3 marzo, durante il suo avvicinamento alla superficie per la ricognizione della zona.

    345 immagini riprese dalla PolyCam, combinate assieme come in un puzzle, per produrre il mosaico che ci mostra il sito di campionamento con una risoluzione di 4 mm per pixel! Riusciamo cioè a vedere sassetti di 4 millimetri… L’area Nightingale è la zona che appare relativamente più chiara, appena sopra il cuore del cratere visibile al centro dell’immagine, mentre il grande masso scuro in alto a destra misura 13 metri nel suo asse più lungo.

    Durante la ricognizione, la sonda si trovava a 250 metri dalla superficie dell’asteroide. Si è trattato del passaggio, il più vicino mai effettuato fino a quel momento, che ha dato modo al team di identificare la posizione migliore, all’interno dell’area scelta, per la raccolta del campione.


    Ad aprile, infatti, per testare le manvore di avvicinamento e allontanamento e l’estensione del braccio robotico per la raccolta del campione, Osiris-Rex si è avvicinata fino a una distanza minima ancora più bassa, 75 metri, prima di scattare via e rientrare con successo nell’orbita di attesa. Qui a destra vedete il montaggio delle immagini riprese in quell’occasione, dal momento in cui si trovava a circa 125 metri (durante la manovra di checkpoint, la quota da cui iniziare la discesa verticale), al simulato touch-and-go (letteralmente “toccata e fuga”), in quel caso a una distanza di sicurezza di 75 metri.

    Tutto è pronto per la fase principale della missione ma, per motivi di sicurezza dovuti all’epidemia di Covid-19, il momento del prelievo è stato rimandato di un paio di mesi, ed è previsto, al momento, per il 20 ottobre di quest’anno. Ad agosto, mese in cui si sarebbe dovuto effettuare, verrà invece eseguito un altro test di avvicinamento, questa volta alla quota di soli 40 metri.

    La pianificazione di questa operazione è infatti delicata, difficoltosa e ad alto rischio, e richiede tutta la tranquillità e il tempo necessario per prevedere, studiare e mettere in sicurezza qualsiasi problema possa sorgere, in ogni passaggio. Una volta lanciata la sonda verso la sua toccata e fuga, non si potrà infatti intervenire in alcun modo. La NASA ha quindi deciso di dare al team tempo extra per svolgere al meglio questa delicata fase della missione.

    Una ripresa in cui è visibile un getto di particelle e sassi dalla superficie di Bennu. E' una somma di due immagini raccolte il 19 gennaio scorso, elaborate per evidenziare il dettaglio dello "sbuffo". Crediti: NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin

    Il problema principale è che Bennu si è dimostrato un ambiente più ostile di quanto ci si poteva immaginare. Oltre alla sua particolare asperità (non ipotizzabile dalle osservazioni a distanza), la superficie ha anche mostrato una caratteristica di Bennu del tutto inaspettata: getti di particelle e rocce sparati dalla sua superficie! Un asteroide quindi ancora attivo, anche se ancora non se ne è compresa la causa.

    La sonda ha tre possibilità di tentare la raccolta di campioni, se già ad ottobre la raccolta verrà giudicata soddisfacente, è però già pronta a rientrare, e potrebbe riportare i campioni a Terra a settembre del 2023.

    Leggi tutte le notizie uscite su coelum.com sulla missione Osiris-Rex

    Per tenere d’occhio la posizione della sonda in ogni momento: Where is OSIRIS-REx?


    Il Dilemma Cosmologico della Materia Oscura

    Ipotesi ed evidenze dalle origini della scoperta alle galassie senza materia oscura

    Coelum Astronomia di Maggio 2020
    è online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.
    Lascia la tua mail o clicca sulla X e leggi!

    L’”abbonamento” è gratuito e serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento