Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Settembre 2017
Ci sono 285 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

20 MARZO: Eclisse parziale di Sole nel giorno dell’equinozio di primavera!

Letto 9.877 volte
Nessun commento
Commenta
Eclisse parziale di Sole la mattina del 20 marzo, giorno dell’equinozio di primavera, visibile in tutta Italia.

Finalmente anche in Italia una eclisse di Sole, sia pure parziale! Nel nostro paese mancava infatti da più di quattro anni lo spettacolo del disco solare intaccato dalla Luna. Un evento vieppiù di valore se si pensa che per godere di un’eclisse di analoga magnitudine (questo valga come avvertimento a chi sta pensando di prendere la cosa sottogamba) toccherà aspettare addirittura il 2026… (vedi la tabella a destra).

L’eclisse del 20 marzo prossimo sarà visibile in Europa, Russia e Nord Africa, ma risulterà totale solo nel mare del Nord al largo delle isole Fær Øer (la fascia di totalità passerà a Nord della Scandinavia e della Gran Bretagna, l’oscuramento sarà dell’87% a Greenwich e dell’84% a Copenaghen, mentre più a sud, verso l’Africa, sarà in media del 30%).

In Italia la parzialità (e cioè la porzione areale di disco solare occultata dal disco lunare al momento del Massimo) varierà da un minimo del 50% all’estremo sud a un massimo del 75% circa all’estremo nord.

Il fenomeno raggiungerà il suo massimo intorno alle 10:30 ora italiana (TU+1) con leggere variazioni a seconda del sito da cui si osserva, come si può vedere dalla tabella seguente (clicca l’immagine per ingrandire oppure scaricala in formato pdf).

Ci raccomandiamo come sempre di osservarla in assoluta sicurezza, utilizzando filtri e protezioni (sia a occhio nudo che con binocoli e telescopi) adatti all’uso. I semplici occhiali da sole non sono sufficienti!

Curiosità e approfondimenti

L’articolo completo è pubblicato su Coelum n.190 – 2015 alla pagina 59

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento