Home News di Astronomia MESSIER 76 per i 34 anni di Hubble Space Telescope

MESSIER 76 per i 34 anni di Hubble Space Telescope

Letto 6.438 volte
0
Immagine di Hubble della Nebulosa Piccolo Manubrio Credito: NASA, ESA, STScI, A. Pagan (STScI)
Tempo di lettura: 2 minuti

Hubble celebra il 34° anniversario con uno sguardo alla Little Dumbbell Nebula o Piccolo Manubrio

Il telescopio spaziale Hubble è operativo da oltre tre decenni e continua a fare scoperte rivoluzionarie in grado di plasmare la nostra visione visione e comprensione dell’Universo.

34 anni di scienza e immagini

Dal suo lancio nel 1990 Hubble ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni di oltre 53.000 oggetti astronomici. Ad oggi, l’ Archivio Mikulski per i telescopi spaziali presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, contiene 184 terabyte di dati elaborati che sono pronti per essere utilizzati dagli astronomi di tutto il mondo per la ricerca e l’analisi. Una copia europea dei dati pubblici è ospitata presso ESA’s European Space Astronomy Centre, nel European Hubble Space Telescope (eHST) Science Archive.

Dal 1990 sono stati pubblicati 44.000 articoli scientifici basati sulle osservazioni di Hubble. Ciò include un record di 1.056 articoli pubblicati nel 2023, di cui 409 condotti da autori negli Stati membri dell’ESA. La domanda per l’utilizzo di Hubble è così elevata che attualmente le richieste eccedono di un fattore sei.

Nel corso dell’ultimo anno di operazioni scientifiche, le nuove scoperte fatte utilizzando Hubble includono la ricerca di acqua nell’atmosfera del più piccolo esopianeta fino ad oggi, l’individuazione di una bizzarra esplosione cosmica lontano da qualsiasi galassia ospite, il seguire i raggi degli anelli di Saturno e lampo radio veloce più distante e potente mai visto. Gli studi di Hubble sull’asteroide Dimorphos, bersaglio di una deliberata collisione di un veicolo spaziale della NASA nel settembre 2022 per alterarne la traiettoria, sono continuati con il rilevamento di massicci rilasciati dall’impatto .

Hubble ha anche continuato a fornire immagini spettacolari di obiettivi celesti tra cui galassie a spirale , ammassi globulari e nebulose di formazione stellare. Le immagini di Hubble sono state anche combinate con le osservazioni a infrarossi del telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA per creare una delle viste più complete dell’Universo: un’immagine dell’ammasso di galassie MACS 0416 .

La maggior parte delle scoperte di Hubble non erano state previste prima del lancio, come i buchi neri supermassicci, le atmosfere degli esopianeti, la lente gravitazionale della materia oscura, la presenza di energia oscura e l’abbondanza di formazione planetaria tra le stelle. Hubble continuerà la ricerca in questi settori, oltre a sfruttare la sua capacità unica nella luce ultravioletta per esaminare i fenomeni del Sistema Solare, le esplosioni di supernova, la composizione delle atmosfere degli esopianeti e le emissioni dinamiche delle galassie. 

Le caratteristiche prestazionali del telescopio spaziale James Webb sono state progettate per essere complementari a Hubble e non sostitutive. La futura ricerca di Hubble trarrà vantaggio anche dalle opportunità di sinergie con Webb, che invece opera nell’infrarosso

M76 è classificata come una nebulosa planetaria, un guscio in espansione di gas luminosi espulsi da una stella gigante rossa morente. La stella alla fine collassa in una nana bianca ultra densa e calda. Una nebulosa planetaria non ha alcuna relazione con i pianeti, ma ha quel nome perché gli astronomi del 1700 che utilizzavano telescopi a bassa potenza pensavano che questo tipo di oggetto somigliasse a un pianeta.

Fonte: ESA/HUBBLE


Vuoi essere sempre aggiornato sul Cielo del Mese?

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!