Home Articoli e Risorse On-Line Astronomia, Astrofisica e Cosmologia Svelato il tributo a Galileo sulla missione Juice

Svelato il tributo a Galileo sulla missione Juice

Letto 146 volte
0

La missione JUICE procede a gonfie vele!

Una targa commemorativa che celebra la scoperta delle lune di Giove da parte di Galileo è stata svelata sul Jupiter Icy Moons Explorer dell’ESA, Juice. Il veicolo spaziale ha appena completato i test finali prima di partire da Tolosa, in Francia, per lo spazioporto europeo per il conto alla rovescia fino al lancio di aprile.

Come parte degli ultimi preparativi, sulla navicella spaziale è stata montata una targa commemorativa come tributo all’astronomo italiano Galileo Galilei, che fu il primo a vedere Giove e le sue quattro lune più grandi attraverso un telescopio nel gennaio 1610. Un’osservazione che inflisse il colpo definitivo alla teoria geocentrica. Le lune – Io, Europa, Ganimede e Callisto – sarebbero diventate note collettivamente come i satelliti galileiani in suo onore.

La targa, che riproduce le diverse pagine del Sidereus Nuncius di Galileo in cui descrisse le sue osservazioni delle lune, è stata svelata all’Airbus Toulouse il 20 gennaio. Dopo l’evento, il veicolo spaziale sarà imballato per il suo volo transatlantico verso la Guyana francese, dove sarà pronto per il lancio su un Ariane 5 dallo spazioporto europeo.

“Svelare la targa è stato un momento intenso nel cammino di preparazione del veicolo spaziale per il lancio”, afferma Giuseppe Sarri, project manager Juice dell’ESA. “Non è solo un’opportunità per fare una pausa e riflettere sul duro lavoro decennale che è stato dedicato all’ideazione, alla costruzione e al collaudo del veicolo spaziale, ma anche per celebrare la curiosità e la meraviglia di tutti coloro che mirando Giove nel cielo notturno hanno meditato sulle nostre origini – l’ispirazione alla base della missione.

La targa presenta immagini delle prime osservazioni di Giove e delle sue lune da parte di Galileo Galilei da una copia del Sidereus Nuncius conservata nella biblioteca del Museo Astronomico e Copernicano, presso la sede dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) a Roma , Italia. La copia è una delle prime 550 mai stampate nel 1610 a Venezia.

Rispondere alle grandi domande dell’umanità

Tre delle lune più grandi di Giove – Europa, Ganimede e Callisto – contengono grandi quantità di acqua sepolta sotto la superficie in volumi molto maggiori di quelli degli oceani terrestri. Queste lune delle dimensioni di un pianeta sono tentazioni allettanti nella ricerca delle condizioni ideali per la vita anche molto diverse da quelle presenti sul nostro magnifico pallino blu. Giove e la sua famiglia di grandi lune rappresentano un archetipo per i sistemi di pianeti gassosi giganti in tutto l’Universo e come tali sono alcune delle destinazioni più avvincenti del nostro Sistema Solare.

L’ESA e i suoi partner internazionali sono quasi pronti a inviare Juice verso lo studio di questo affascinante pianeta e le sue intriganti lune. Con la sua suite di potenti strumenti, Juice vedrà Giove e le sue lune in un modo che Galileo non avrebbe nemmeno potuto sognare. I dati restituiti dal veicolo spaziale serviranno alle molte generazioni future di scienziati determinati a scoprire i misteri del sistema gioviano e il suo posto nell’evoluzione del nostro Sistema Solare.

“Con l’avvicinarsi della partenza di Juice per il sito di lancio, ricordiamo il suo lungo viaggio terrestre attraverso vari siti Airbus in Europa verso l’integrazione finale e gli oltre 500 dipendenti Airbus che hanno preparato il veicolo spaziale per la sua crociera di otto anni”, afferma Cyril Cavel, Juice Project Manager presso Airbus Defence and Space. “È stata un’avventura incredibile, insieme a più di 80 aziende in tutta Europa, dare vita alla visione dell’ESA e, infine, studiare a fondo Giove e le sue lune ghiacciate.

Un trio di pietre miliari

Tre importanti traguardi sono stati raggiunti solo nelle ultime settimane. A dicembre il veicolo spaziale ha completato un ultimo test di vuoto termico necessario per confermare che è pronto per le rigide temperature inflitte dall’ambiente spaziale.

La scorsa settimana un ultimo “test di convalida del sistema” ha visto il veicolo spaziale – fermo a Tolosa – “collegato” al controllo della missione presso lo Space Operations Center (ESOC) dell’ESA a Darmstadt, in Germania, per simulare le prime attività dopo il lancio quando i vari array di Juice esploderanno e le appendici si svilupperanno, con la versione finale del software di volo.

Infine, e in modo più critico, il 18 gennaio la revisione della qualificazione e dell’accettazione ha confermato la disponibilità ad andare avanti con i preparativi per il lancio allo spazioporto.

Juice decollerà su un Ariane 5 ad aprile, l’ultima missione ESA a volare su questo lanciatore prima che Ariane 6 prenda il sopravvento.

Tutto quello che volete sapere sulla missione Juice è pubblicato nel prossimo numero di Coelum Astronomia, leggi l’anteprima QUI

Fonte: ESA

L’articolo completo è pubblicato in Coelum Astronomia n°260 di febbraio/marzo 2023

 

oppure

 

PROMO ABBONATI A TUTTO COELUM!

 

Abbonati o rinnova l’abbonamento alla versione cartacea e..

ottieni subito l’accesso a

Coelum Digitale e Coelum Voice

un unico abbonamento per accedere a tutto e in più…. porte aperte alla Community per scambiare commenti feedback ed inserire immagini in PhotoCoelum

  1. Coelum Cartaceo n°6 uscite dal 261 al 266 di febbraio/marzo 2024 (ben 12 pagine in più!)
  2. Coelum versione Digitale consultabile su ogni device (sono disponibili alla lettura tutti i numeri dal 2022 in poi)
  3. il nuovissimo Coelum Voice! Gli articoli pubblicati su Coelum in podcast, per approfondire in ogni momento libero!
  4. Accesso livello QUASAR alla Community

Valore complessivo dei servizi euro 113,34 – prezzo speciale offerta 63,00 euro* 

sconto 44% 

*più spese di spedizione in base alla modalità scelta

PER ABBONARTI CLICCA QUI

Offerta valida fino al 28 febbraio 2023

Articolo precedenteSistema Solare – Missione Juice e i satelliti di Giove
Articolo successivoArtemis I Cronostoria e Tiriamo le Somme