Home Il Blog di Coelum Astronomia Il Blog della Redazione Piccolo mistero nei pressi di Giove

Piccolo mistero nei pressi di Giove

Letto 7.310 volte
0
In alto. La foto originale inviataci da Claudio Pra, scattata il 16 gennaio 2011.

Domenica 16 gennaio il nostro amico collaboratore Claudio Pra (Alleghe (BL) ha scattato parecchie foto a grande campo per immortalare Giove accanto a Urano. In una di esse, scattata alle 18:46 ora legale, si è accorto della presenza di una stellina intrusa accanto alle stelle 33 e 30 Piscium, di magnitudine praticamente identica, quindi di +4,5 mag. circa. Ci scrive Pra: “L’oggetto è puntiforme e non mostra movimento. Considerando l’esposizione di 8 secondi non saprei cosa può essere. Ho controllato alcune foto scattate tre quarti d’ora dopo e della stellina intrusa non c’è più traccia. L’ipotesi che ho formulato è quella del satellite in rotazione  che mostra un brillamento di pochi istanti ma non so se possa essere corretta.”

.

Una parte dell'immagine di Pra, ingrandita ed equalizzata per evidenziare meglio le stelle. Sono indicate le posizioni di Giove e Urano, nonché dell’”oggetto misterioso” situato nei pressi di 30 e 33 Piscium

Lettera e foto sono state pubblicate su Coelum 149 (a pag. 79) con la seguente risposta del Direttore: “Caro Pra, il mistero permane anche dopo che ci abbiamo perso sopra una mezz’ora. Tutto ciò che possiamo sicuramente dire è che l’oggetto è reale e durante gli 8 secondi posa ha condiviso lo stesso spostamento delle stelle che lo circondano. Anche la forma, se osservata con un forte ingrandimento  è praticamente identica a quella degli altri “puntini”: non si tratta quindi di un artefatto o di un raggio cosmico.  In quella posizione, abbiamo controllato, non esistono variabili, o comunque stelle capaci di manifestare dei flare molto brevi.
Un riflesso di Giove? Dubitiamo anche di questo… l’immagine si mostra troppo secca e puntiforme, e ci sarebbe stato (sebbene spostato) anche nelle fotografie fatte più tardi. Il flare di un satellite? Sarebbe però dovuto essere un geostazionario… Talvolta anche questi possono produrre dei flare, specialmente in certi periodi dell’anno (da noi, quelli invernali, per effetto della declinazione australe del Sole). Il dubbio è che per quanto breve sia stata la posa di 8 secondi, avrebbe comunque dovuto evidenziare il diverso moto del satellite rispetto alle stelle… Mah!”

Se qualcuno tra i nostri lettori ha fotografato Giove a grande campo in quel periodo, controlli gli scatti (e magari ce li spedisca) per verificare la presenza o meno dell’oggetto misterioso…

Articolo precedenteFalse purtroppo le speranze sulla P/2006 T1 (Levy)
Articolo successivoCONCORSO ESA: vince chi twitta meglio!