Home Il Blog di Coelum Astronomia Il Blog della Redazione Be a Data Scientist: Citizen Science per scoprire le dinamiche dell’informazione

Be a Data Scientist: Citizen Science per scoprire le dinamiche dell’informazione

Letto 6.197 volte
2

be a data scientist

LE DINAMICHE DELL’INFORMAZIONE
L’informazione sta vivendo un periodo di profonda crisi: i contenuti che girano sul web sono spesso di dubbia provenienza, la rapidità imposta dalla comunicazione odierna non consente ai più di effettuare una verifica accurata di contenuti e fonti, la condivisione compulsiva sui social network permette il diffondersi e il proliferare di mezze verità e bufale, inoltre, come se ciò non bastasse, capita che persino la carta stampata riprenda le notizie del web contribuendo ad aggravare la situazione. Il risultato? Si stanno perdendo i punti di riferimento e a farne le spese è l’informazione di qualità che viene spesso scavalcata dalla disinformazione e misinformazione. E i giovani, coloro che diventeranno i decisori di domani, come si comportano davanti a questo fenomeno? Qual è il loro approccio alle informazioni? E gli adulti che vivono intorno a loro (genitori, docenti…) condividono lo stesso approccio?

Be a Data Scientist è un progetto di citizen science il cui obiettivo è quello di scoprire, insieme ai giovani, se e come questi si informano. Ma poi vuole comprendere se a loro volta informano, anche solo condividendo – con la facilità del tasto condividi, onnipresente sulle piattaforme social.

Per scoprire più nel dettaglio dove le dinamiche dell’informazione approderanno nel prossimo futuro, non rimane che attendere la presentazione dei risultati di Be a Data Scientist il 27 settembre durante la Notte Europea dei Ricercatori coordinata da Frascati Scienza che sarà, appunto, a Frascati, città nel cuore dei Castelli Romani, alle porte della Capitale.

Per ulteriori informazioni fare riferimento al sito web di Frascati Scienza: www.frascatiscienza.it

Leggi l’articolo completo su Coelum Astronomia 236 a pagina 194

notte europea ricercatori

Articolo precedenteE una nuova Luna e Aldebaran
Articolo successivoNotte Europea dei Ricercatori #BEES, aperte le registrazioni!

2 Commenti