Home Appuntamenti del Mese Cielo del Mese Nel Cielo – Le stelle fredde dell’Unicorno – Tre ammassi da rubare...

Nel Cielo – Le stelle fredde dell’Unicorno – Tre ammassi da rubare alle notti invernali

Letto 5.163 volte
0
nel_cielo-176
La cartina del mese abbraccia l'intera costellazione del Monoceros (Unicorno), confinante con il Canis Major a sud e con Orione a ovest. I tre ammassi di cui si parla nel testo – M50, NGC 2301 e NGC 2232 – sono identificati dagli asterischi gialli e i primi due sono circondati da una regione rettangolare chiara corrispondente alla parte ingrandita nelle mappe seguenti.

M50, un ammasso a forma di cuore? – Nella parte meridionale della costellazione, quasi al confine con il Cane Maggiore e 2,5° a nordovest della famosa “Seagull Nebula” (IC 2177), si trova un oggetto deep-sky decisamente appariscente. Stiamo parlando di M50, un ammasso aperto esteso per circa 15 primi d’arco e popolato da un centinaio di stelle che brillano di una luminosità compresa tra la mag. +9 e +13; il che lo porta a una magnitudine apparente integrata di +5,9 e quindi alle soglie della visibilità ad occhio nudo, tanto che non pochi osservatori assicurano di essere riusciti a vederlo sotto
cieli sufficientemente scuri come una tenue nubecola lattescente. Ufficialmente l’ammasso fu individuato da Messier il 5 aprile 1772 anche se Jacques Cassini (1677-1756), figlio di Giandomenico, nel suo “Elements d’astronomie”, del 1740, asserisce che nel 1711 suo padre scoprì una “nebula” «…nell’area tra il Cane Maggiore e il Cane Minore (…) una delle più belle che si possano ammirare al telescopio». Indicazione però alquanto vaga, che a ben considerare rimette in gioco anche la rivendicazione di Giovan Battista Hodierna (1597-1660), dato che l’astronomo siciliano lasciò scritto nel 1654 che, in un anno imprecisato prima di quella data, vide una “Nebulosa Intercanicularis”, cioè una “nebulosa tra i due Cani”.
nel_cielo-tabellaPer approfondire leggi tutti i dettagli e i consigli per l’osservazione, i cenni storici, le immagini e le mappe dettagliate, nell’articolo tratto dalla Rubrica Nel Cielo di Salvatore Albano presente a pagina 56 di Coelum n. 176.

Articolo precedenteMUSEI CAPITOLINI I MERCOLEDÌ DI ARCHIMEDE STORIE DI SCIENZA ANTICA
Articolo successivoIl Cielo Sepolto – La Fenice risorge ma non vola