AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Agosto 2019
Ci sono 174 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.697 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Curiosity ripreso grazie a un riflesso fortunato dalla camera HiRISE a bordo di MRO, nella sua esplorazione delle zone argillose di Mount Sharp.

    Nell'immagine Curiosity ripreso dalla HiRISE, la camera ad alta risoluzione di MRO, lo scorso 31 maggio. Il rover si mostra come un granello brillante e bluastro, tra le sabbie della clay.bearing unit, la zona ricca di argilla che il rover della NASA si appresta ad esplorare. Credit: NASA/JPL-Caltech

    Un panorama marziano da togliere il fiato come ormai HiRISE, la camera ad alta risoluzione della NASA a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), ci ha abituati. Ma in questo panorama salta all’occhio un particolare in più, un piccolo grumolo luminoso e bluastro nella “Woodland Bay”.

    Leggi l’articolo "Arte su Marte: il meraviglioso paesaggio marziano" pubblicato su Coelum Astronomia 205, in cui Lori Fenton ci racconta come il vento sia il principale artefice delle strutture marziane e di come lo studio di queste ci fornisca informazioni necessarie a comprendere i meccanismi che agiscono nell’atmosfera marziana. Clicca e leggi, è gratis!

    L’immagine è stata ripresa il 31 maggio scorso, e quei punti luminosi altro non sono che il rover Curiosity, durante l’esplorazione della Woodland Bay, sovrastata nella parte superiore sinistra dalla Vera Rubin Ridge, dove il rover ha passato gran parte dell’anno. Nella parte superiore destra vediamo invece una chiazza scura di sabbia increspata.

    La Woodland Bay si trova all’interno di un’ampia zona argillosa, indicata come “clay-bearing unit”, una nuova nuova tappa di un lungo cammino per il rover, che prevede di fargli attraversare e analizzare aree dalla diversa composizione, e probabilmente anche apparteneti a diversa ere.
    La mappa che vedete qui sotto, che mostra le diverse aree divise per composizione, è stata costruita grazie ai dati del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), raccolti non solo attraverso HiRISE ma anche dalle altre camere a bordo dell’orbiter – il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) e la Context Camera (CTX) – e a quelli raccolti dalla High Resolution Stereo Camera (HRSC) a bordo della sonda europea Mars Express.

    Ora che ormai è dimostrata, e data per assodata, la presenza di acqua liquida nel passato di Marte, lo scopo della missione è capire perché e come a un certo punto il clima marziano è cambiato facendolo diventare l’arido e sterile pianeta che abbiamo davanti oggi.

    Nell'immagine sono indicate le diverse aree, per composizione ed età, del mount Sharp, che la missione vorrebbe arrivare a esplorare. Al momento Curiosity si trova all'interno della zona ricca di argille dove si trova la Woodland Bay. Cliccare sull'immagine se l'animazione non parte. Image credit: NASA/JPL-Caltech/ESA/Univ. of Arizona/JHUAPL/MSSS/USGS Astrogeology Science Center

    Ma quel che rende questa immagine particolarmente interessante, è la ripresa dell’ombra del rover e del riflesso del Sole sulle superfici del rover e delle sue appendici. Perché HiRISE possa riprendere questo riflesso, infatti, MRO e le superfici riflettenti del rover devono trovarsi in una precisa angolazione rispetto al Sole: i raggi solari si riflettono su una superficie lucida del rover e vengono deviati tutti nella stessa direzione in un fascio molto stretto e visibile solo da quella particolare angolazione, come quando si cerca di colpire qualcuno con il riflesso di uno specchietto.

    Curoisity e la sua strumentazione, il rilfesso più a nordovest sarebbe quello della "testa" del rover, che contiene mastcam, chemcam e navcam.

    In questa immagine i colori sono stati enfatizzati, e il riquadro che contiente Curiosity ingrandito, per mostrare come si vedano tre o quattro riflessi distinti, con uno più a nordovest degli altri.

    Inizialmente si è pensato che quest’ultimo fosse il braccio alzato del rover, più distaccato dal corpo centrale delle altre parti, ma studiando bene i riflessi e conoscendo l’orientamente di Curiosity al momento dello scatto, con ogni probabilità si tratta invece della testa del sistema di puntamento remoto, quella che antropomorfizzando il rover si potrebbe indicare proprio come la sua testa, dove sono posizionati la mastcam oltre ad altri sistemi di rilevamento della posizione e di analisi del terreno, e che al momento della ripresa era puntata un po’ in avanti rispetto al resto del rover.


    50 ANNI FA
    Lo Sbarco dell’Uomo sulla Luna
    La Storia, le Persone, le Emozioni… e tutte le immagini più belle.

    Coelum Astronomia di Luglio e Agosto 2019
    è online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.
    Lascia la tua mail o clicca sulla X e leggi!

    L’indirizzo email serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento