AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Gennaio 2021
Ci sono 311 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Avatar membro
  • Letto 17.273 volte
    Nessun commento
    Commenta
    La missione spaziale cinese ha raggiunto, il 30 novembre scorso, il suolo lunare e oggi l’agenzia cinese comunica anche la raccolta del campione di terreno e la sua partenza dalla superficie lunare.

    Illustrazione della sonda di raccolta campioni Chang'e 5. Crediti: CNSA.

    Nuovo passo del lungo programma spaziale cinese, che porterà il paese, almeno nelle intenzioni, alla colonizzazione umana della Luna e al successivo viaggio verso Marte. La Cina ci sta ormai abituando a macinare tappe, secondo un programma ben preciso e senza troppi intoppi. Ve ne abbiamo parlato nel numero doppio dell’estate scorsa, in un articolo a cura di Elisabetta Bonora: “Il programma spaziale cinese e la corsa verso Marte”.

    In questo caso la Cina è riuscita a far atterrare sul nostro satellite una sonda per la raccolta di suolo lunare da riportare a Terra, a raccogliere e stoccare i campioni e a lanciare il modulo di risalita per l’incontro con il modulo di rientro che lo porterà a Terra. Il tutto sta accadendo proprio in questo momento.

    Il lancio della missione Cheng'e 5. Crediti: CNSA

    I tre principali obiettivi ingegneristici della missione infatti sono: in primo luogo, testare tecnologie chiave per il lancio in multiorbita a finestra stretta, il campionamento e lo stoccaggio automatici di materiale dalla superficie lunare, il decollo dalla superficie lunare e il rendez vous in orbita con il modulo per il rientro a Terra, migliorando così il livello della tecnologia aerospaziale cinese. Il secondo obiettivo è realizzare il primo campionamento automatico per la Cina e il rientro di materiale extra terrestre per portare avanti importanti conoscenze scientifiche, e infine, come terzo obiettivo quello di acquisire esperienza tecnologica e materiali per il futuro atterraggio sulla Luna con equipaggio umano e per l’esplorazione dello spazio profondo.

    La sonda, è partita alle 4:30 del 24 novembre scorso (le 20:30 del 23 novembre ora italiana), dal sito di lancio Wenchang in Cina, a bordo del razzo vettore Yaowu Long March 5, il lanciatore della serie ormai rodata che porta con successo in orbita le attuali missioni del paese del Sol Levante.

    Le immagini del suolo lunare durante l'atterraggio.

    Alle 23:11 del 1° dicembre (15:11 ora italiana), la sonda è atterrata con successo, a 51,8° di longitudine ovest e 43,1° di latitudine nord, nel sito previsto per l’atterraggio, nei pressi del Mons Rümker. L’agenzia spaziale ha prontamente rilasciato le immagini del suolo lunare riprese dalla sonda durante l’atterraggio, attraverso il social cinese Weibo (analoghi di facebook e youtube, e per fortuna google translate accorre in aiuto), dove l’agenzia spaziale ha un profilo in cui condivide, non senza qualche inghippo ed esitazione in realtà, tutti i passaggi del programma spaziale cinese.
    Si tratta comunque di un grande passo avanti per l’agenzia spaziale cinese, che non molto tempo fa passava le informazioni molto in sordina, solo ad evento compiuto e sempre con il contagocce, mentre ora la trasparenza e la spettacolarizzazione delle missioni si sta avvicinando a quella delle missioni occidentali.

    Qui si vede l'ombra di una delle gambe del lander, poco prima del morbido touch down.

    Anche in questo caso, per la terza volta nel programma spaziale Chang’e, la sonda ha effettuato un atterraggio morbido e controllato andato perfettamente a buon fine. Ha dispiegato i pannelli solari e l’antenna direzionale, e ha iniziato il suo lavoro di raccolta dei campioni.

    Dopo sole 19 ore di lavoro la raccolta si è conclusa ed è stato effettuato con successo lo stoccaggio del materiale e il distacco per la risalita in orbita del modulo contenente i 2 chili di campioni previsti, avvenuto alle 15:10 (ora italiana) di oggi 3 dicembre.

    La missione è infatti composta da un modulo di servizio e uno di rientro, rimasti in orbita in attesa del modulo di risalita, e dal lander che ha effettuato le operazioni di raccolta, ma che rimarrà abbandonato sulla superficie lunare (non essendo attrezzato per sopravvivere alla fredda notte lunare).

    Qui vediamo il lander, che si stacca dal modulo di servizio per iniziare la discesa, qui vediamo il sorvolo della superficie lunare durante la discesa, mentre a questo link il video appena trasmesso, con le immagini del distacco del modulo di rientro che accende i suoi motori per raggiungere l’orbita. Bellissimo anche il video, di pochi secondi, del braccio del lander che raccoglie i campioni di terreno.

    Un fermo immagine del video in cui si vede il braccio del lander raccogliere campioni, e le tracce lasciate sulla superficie.

    Ora non resta che attendere l’annuncio di riuscito rendez vous, previsto per le 19:14 (ora italiana) di sabato 5 dicembre, quando il modulo di risalita si aggancerà e trasferirà i campioni al modulo di rientro per il ritorno a Terra.

    Più o meno in contemporanea avverrà anche il rientro della capsula di Hayabusa2, della giapponese JAXA, con i campioni raccolti dall’asteroide Ryugu… se tutto andrà bene, una giornata sicuramente da ricordare per la storia delle missioni spaziali dei paesi orientali.


    21 dicembre 2020
    La Grande Congiunzione Giove-Saturno

    Coelum Astronomia di Dicembre 2020
    è online, come sempre in formato multimediale digitale, scaricabile e stampabile in pdf e totalmente gratuito.

    Lascia la tua mail, se vuoi rimanere informato sulle prossime uscite o clicca sulla X e leggi!

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento