Home Articoli e Risorse On-Line Astronautica ed Esplorazione Spaziale Nuove scoperte dalla New Horizons

Nuove scoperte dalla New Horizons

Letto 814 volte
0
La linea in rosso riflette il sistema di valli e catene montuose che gli scienziati pensano siano migrate dall'equatore di Plutone alle loro attuali posizioni vicino ai suoi poli.(Credito immagine: James Tuttle Keane (JPL/Caltech)/NASA/Johns Hopkins APL/SwRI)
Tempo di lettura: 3 minuti

No, non si tratta di un errore o un vecchio articolo. Le immagini ricevute in passato dalle sonde sono, a distanza di anni, ancora frutto di indagine ed approfondimento, e anche se già “viste” le informazioni che se ne recuperano sono sorprendeti come quelle rese note dai ricercatori impegnati nello studio delle immagini che la sonda New Horizons passando vicino a Plutone ha inviato alla Terra nell’ormai lontano 2015.

New Horizons ha dato all’umanità i suoi primi sguardi ravvicinati su Plutone il 14 luglio 2015, quando la sonda è passata solo 12.500 chilometri sopra la superficie gelida del pianeta nano

I ricercatori di New Horizons hanno condiviso le loro ultime scoperte martedì 14 marzo alla Lunar and Planetary Science Conference (LPSC) in Texas. Tra le scoperte presentate, una ha legato lo sconcertante capovolgimento di Plutone al suo bacino pieno di ghiaccio, un’altra ha trovato paesaggi interessanti ma esotici sulla superficie del pianeta nano e una terza ha svelato gli elementi costitutivi che formano l’oggetto simile a un pupazzo di neve Arrokoth, che New Horizons è volato il 1 gennaio 2019.

Il flip di Plutone legato allo Sputnik Planitia

Mentre gli scienziati sanno che Plutone, come la Terra , si è più di una volta ribaltato su un fianco nel suo passato, l’attuale orientamento di Plutone e il grado finale resta un mistero. 

Ora, un gruppo di ricercatori sta dimostrando che ha attribuire al capovolgimento di Plutone è stata la formazione di Sputnik Planitia , un bacino largo 1.000 km che costituisce metà dell’iconica regione a forma di cuore su Plutone. 

Probabilmente è stato l’oceano sotterraneo di Plutone a fornire una spinta allo Sputnik e a spostare gran parte della massa del pianeta nano verso il suo equatore. Tanto che le catene montuose parallele e le profonde vallate che sono state individuate sono state probabilmente il frutto del movimento di una globale tettonica. 

“Non possiamo davvero spiegare definitivamente l’attuale configurazione di Plutone”, ha detto Oliver White, un co-investigatore di New Horizons presso il SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) Institute in California, durante una presentazione martedì all’LPSC. “le caratteristiche territoriali probabilmente esistevano presto lungo l’equatore di Plutone e sono migrate verso le loro attuali posizioni più vicine ai poli a causa del capovolgimento, ha detto.”

Enormi depositi di ghiaccio di metano simili a coltelli si estendono fino al lato opposto di Plutone

Oltre ad aiutare gli scienziati a studiare i paesaggi antichi su Plutone, i dati di New Horizons stanno fornendo indizi sulle sue caratteristiche più recenti.

Il veicolo spaziale aveva precedentemente individuato enormi depositi di metano vicino all’equatore di Plutone, alti quasi quanto i grattacieli della Terra. Gli scienziati hanno annunciato martedì di avere nuove prove le quali suggeriscono che queste morfologie simili a coltelli si estendono anche al lato più lontano di Plutone, oltre ciò che New Horizons è stato in grado di vedere durante il suo sorvolo del 2015.

“La scoperta di queste caratteristiche mette in luce la complessità, la natura dinamica e la diversità delle superfici planetarie come quella di Plutone”, ha detto Ishan Mishra, ricercatore post-dottorato presso il Jet della NASA. Propulsion Laboratory in California.

Sulla Terra, tali colonne sono chiamate penitentes ; sono fatte di ghiaccio dacqua e si estendono per pochi metri. Su Plutone, tuttavia, queste caratteristiche esistono principalmente nei punti più alti della sua superficie e si librano per centinaia di metri. A tali altezze, il metano si congela nell’atmosfera esile di Plutone quando fa freddo ed evapora tornando al suo stato gassoso durante periodi più caldi. 

Il team dietro l’ultimo studio ha utilizzato immagini scattate dal Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) a bordo di New Horizons e notato come la luce riflessa dalle superfici cambia con diversi angoli di visione. 

In tal modo, hanno trovato simili caratteristiche di assorbimento del metano sul lato opposto di Plutone, grazie alle superfici “più ruvide della rugosità media di Plutone”, ha detto Mishra durante la sua presentazione. Tali terreni “a lame” sono probabilmente una delle morfologie più comuni su Plutone, ha aggiunto.

Insomma non c’è dubbio che New Horizons ha ancora molto da raccontare del suo straordinario viaggio ai confini del Sistema Solare!