AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
27 Novembre 2021
Ci sono 209 utenti collegati
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Comete di aprile 2021

Letto 2.045 volte
Nessun commento
Commenta
Aprile è il mese in cui la C/2020 R4 ATLAS dovrebbe raggiungere la massima luminosità. Dopo essere passata al perielio in marzo, si avvicinerà al nostro pianeta, transitando il giorno 23 a circa settanta milioni di chilometri dalla Terra brillando, secondo le previsioni, di una discreta nona magnitudine, valore che ne fa l’oggetto finora più [...]

Aprile è il mese in cui la C/2020 R4 ATLAS dovrebbe raggiungere la massima luminosità.

Dopo essere passata al perielio in marzo, si avvicinerà al nostro pianeta, transitando il giorno 23 a circa settanta milioni di chilometri dalla Terra brillando, secondo le previsioni, di una discreta nona magnitudine, valore che ne fa l’oggetto finora più luminoso del 2021.

Cliccando sull'immagine potete vedere il grafico della magnitudine attesa e quella osservata del sito aerith.net di Seiichi Yoshida.

Sarà anche facile da seguire per gran parte del periodo considerato per la favorevole posizione occupata in cielo. Nel corso del mese la cometa guadagnerà infatti decisamente in declinazione, alzandosi sempre più sull’orizzonte.

Partendo dalla porzione centrale dell’Aquila, dopo una breve capatina entro i confini dell’Ofiuco, attraverserà l’Ercole, la Corona Boreale e il Bovaro, terminando la sua corsa mensile (dopo ben novanta gradi) nei Cani da Caccia. Le osservazioni, se per la prima decade del mese la si doveva cercare a ridosso dell’alba, dalla seconda decade potranno cominciare in piena notte, e addirittura svolgersi in tarda serata nella terza decade.

Il 22 aprile transiterà nei pressi della nebulosa planetaria NGC 6210, di magnitudine +9,3. L’incontro è però piuttosto “largo”, considerati i circa tre gradi che separeranno i due oggetti.
Cartina e effemeridi riferite alla vostra località su Astronomiamo.it


Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento