AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
1 Dicembre 2021
Ci sono 195 utenti collegati
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.563 volte
    Aurore boreali nei cieli di Manhattan.

    Nella serata dell’11 Ottobre spettacolari aurore boreali sono apparse nel cielo di New York e in altre aree a sud della costa orientale degli Stati Uniti. Uno spettacolo insolito a così alte latitudini.

    Immagine di un'aurora boreale dalla Stazione Spaziale Internazionale

    Il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha registrato quasi contemporaneamente una tempesta solare di categoria G2, causata da un’intesa attività del Sole. Un tale brillamento solare, classificato dal NOAA come moderatamente forte, è in grado di distorcere il campo magnetico terrestre disturbando la magnetosfera per un breve periodo.

    Tempeste magnetiche di simili caratteristiche in passato hanno provato una serie di complicazioni a strumentazioni e altri sistemi:

    - le reti elettriche possono presentare allarmi di tensioni, che vanno ad arrecare danni ai trasformatori

    - si verifica una perdita del controllo di satelliti in orbita,

    - si hanno delle interruzioni della propagazione delle emissioni radio

    Per altro tuttavia questi fenomeni sono eventi meteorologici spaziali abbastanza comuni, poiché il Sole rilascia con regolarità i CME. I CME (Coronal Mass Ejection) o espulsione di massa coronale, sono un’emissione di materiale proveniente dalla corona solare, costituito da plasma caricato elettricamente, che quando raggiunge la magnetosfera terrestre tende a comprimerla nell’emisfero illuminato per espanderla in quello non illuminato. A questo punto nella zona notturna della Terra le particelle del plasma migrano verso i poli, rilasciando energia sotto forma di luce colorata: è così che si verificano aurore intese come quelle avvistate nei cieli di Manhattan.

    Il NOAA ha pubblicato un orologio geomagnetico per registrare la durata del fenomeno e l’impatto della tempesta sui sistemi elettrici e satellitari. Una tecnologia questa in grado di controllare la quantità di energia che viene rilasciata dalle tempeste nelle 22 ore successive al manifestarsi del fenomeno, e quindi permettere previsioni sempre più precise ed istantanee.

    Gli studi sulla meteorologia spaziale sono importanti poiché hanno già ed avranno sempre più in futuro un notevole impatto sulle missioni umane fuori dall’orbita terrestre, oltre che permetterci di  essere avvisati in tempo per assistere a questi spettacolari eventi luminosi.

    A partire dalla serata di martedì 12 Ottobre, l’energia della tempesta solare è andata diminuendo. Tuttavia il centro di climatologia americano ha dichiarato che alcune aurore boreali saranno visibili anche nei prossimi giorni nei cieli del Canada e dell’Alaska.

    Immagine della categoria G2 (Moderata) Tempesta Geomagnetica NOAA

    I Commenti sono chiusi