Home Articoli e Risorse On-Line Astrotecnica e Osservazione Il Solstizio Estivo

Il Solstizio Estivo

Letto 8.240 volte
0

L’illustrazione visualizza le differenti altezze che il Sole raggiunge in meridiano nel corso dell’anno, rispettivamente durante il solstizio estivo, gli equinozi e il solstizio invernale.

Il termine “Solstizio” sta a significare in latino “sole stazionario”, un chiaro riferimento all’apparente immobilità del Sole dopo un periodo (dal solstizio invernale a quello estivo) che lo ha visto invece aumentare la declinazione (e quindi l’altezza sull’orizzonte al momento del transito in meridiano) di ben 47 gradi..

Dall’esame delle date e dei tempi dei solstizi (vedi la tabella a sinistra) si può verificare che il fenomeno avviene quasi sempre il giorno 21, e ritarda poi di circa sei ore ogni anno (5 ore, 48 minuti e 46 secondi per la precisione).

In genere ogni quattro anni torna poi al 20 giugno, in conseguenza degli anni bisestili introdotti proprio per evitare un progressivo sfasamento delle stagioni con il calendario.

Per “vedere” con i propri occhi lo spostamento nel cielo del Sole, a una data ora, nell’arco di un anno, si può tentare di “costruire” un analemma solare. Un’immagine composta da più riprese del Sole, come questa qui sotto di Giuseppe Petricca, che su Coelum 197 vi spiega come fare.

Vedi tutte le immagini di Giuseppe Petricca su Photo-Coelum


Coelum non è solo l’ultimo numero!
Scegli l’argomento che preferisci e inizia a leggere! E’ gratis…

Articolo precedenteTemplate 212 per embed html
Articolo successivoIl Cielo di Giugno 2017