AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Gennaio 2021
Ci sono 218 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.503 volte
    Un Commento
    Commenta
    Grandi aspettative dopo le prime immagini del polo nord di Cerere: con un giorno di poco più di 9 ore terrestri e una inclinazione dell’asse di rotazione molto limitata, il pianeta nano sarà nelle condizioni ottimali per essere fotografato nelle prossime fasi della missione Dawn

    Filmato delle prime immagini scattate dalla camera di Dawn al polo nord di Cerere il 10 Aprile 2015. Crediti: NASA/JPL-Caltech/UCLA/ASI/INAF

    E’ valsa la pena di aspettare. Dopo quasi un mese di silenzio, la sonda Dawn della NASA ha ricominciato ad inviare immagini da Cerere, il primo pianeta nano mai visitato da una sonda spaziale. Quelle che stanno arrivando dalla fascia degli asteroidi, sono immagini che tolgono il respiro e che anticipano quello che accadrà nei prossimi mesi.

    Durante la fase di avvicinamento denominata OpNav6, il 10 Aprile scorso, da una distanza di 33.000Km, la camera ad alta risoluzione ha catturato i primi scatti del polo nord di Cerere illuminato , rimontati nel filmato pubblicato qui accanto (clicca sull’immagine per vedere il filmato). Dire polo nord non è poco, considerando che la determinazione dell’esatta posizione dei poli è stata effettuata dal team di Dawn solo molto recentemente, proprio grazie ai primi dati raccolti dalla sonda. Non c’è da stupirsi, se consideriamo che fino a pochi mesi fa, Cerere era una macchia di luce vaga e indistinguibile, osservata in passato solo dal Telescopio Hubble.

    Oggi sappiamo che Cerere orbita con un periodo di pochi minuti superiore a 9 ore terrestri intorno a un asse che punta, nella direzione nord, in una zona del cielo situata nel Drago. Il polo sud punta verso la poco nota costellazione del Pesce Volante. Sappiamo anche che l’asse di Cerere è molto meno inclinato a confronto con quello terrestre, inclinato di 23° rispetto alla direzione ortogonale all’eclittica (il piano dell’orbita della Terra intorno al Sole). Quest’ultimo dato è molto importante perchè un’inclinazione limitata minimizza gli effetti stagionali: durante l’anno cereriano (che dura 4,6 anni terrestri), il Sole si sposta di soli 4 gradi a nord e a sud sulla superficie del pianeta e le stagioni sono molto meno evidenti che sulla Terra, dove l’inclinazione comporta i cambiamenti che ben conosciamo. Altra conseguenza importante, è una illuminazione ottimale, che permetterà a Dawn di scattare bellissime immagini di Cerere, visto che il Sole illumina il pianeta nano da una posizione sempre vicino all’equatore. Ad eccezione delle eventuali ombre causate dalla topografia locale, si calcola che oltre il 99% della superficie del pianeta nano è esposta alla luce del Sole ogni giorno.

    Queste condizioni ottimali verranno sfruttate al meglio nelle fasi scientifiche della missione, che inizieranno con l’orbita RC3 (dove RC sta per Rotation Characterization) il 23 Aprile, quando Dawn si troverà ad una distanza da Cerere di 13.500 Km. La fase scientifica della missione durerà in tutto 14 mesi e, come per Vesta,  prevederà varie orbite quasi circolari e polari a diverse altitudini e orientazioni che permetteranno agli strumenti di studiare sempre più da vicino il pianeta nano. Dopo l’orbita RC3, che si concluderà il 9 Maggio, Dawn inizierà una fase di avvicinamento che la porterà a 4.400Km dal suolo, nell’orbita Survey. Durante questa fase, la sonda acquisirà mappe globali a risoluzione più elevata con la camera e con VIR, lo spettrometro italiano fornito da ASI e realizzato da Selex Galileo con la guida scientifica del’INAF. La missione continuerà poi a 1.480 km da Cerere in una fase chiamata HAMO (High Altitutde Mapping Orbit) che avrà inizio ad Agosto 2015, raccogliendo mappe e dati a risoluzione crescente e immagini “stereo” per ricostruire la superficie in 3D. Per avere un ordine di grandezza, la risoluzione della camera passerà dall’orbita Survey a quella HAMO da circa 70 a 200 volte la risoluzione con cui Hubble ha ritratto Cerere (vedi immagine qui sotto per la risoluzione della camera nelle varie fasi).

    Infine, inizierà l’orbita più ravvicinata, la LAMO (Low Altitutde Mapping Orbit) a una distanza di appena 375 chilometri. Quest’ultima fase è specificamente progettata per acquisire dati con lo strumento GRaND e studiare la gravità del pianeta nano.

    Ricostruzione delle prossime fasi dell’orbita di Dawn intorno a Cerere. Sono indicate l’altitudine delle orbite e la risoluzione della Camera rispetto alla risoluzione di Hubble (cliccare per ingrandire).

    Commenta

    Un Commento a “Svelato il Polo Nord di Cerere”

    1. Molto interessante questa missione, me la ero completamente dimenticata.
      Vedremo sicuramente delle belle immagini e video.
      Che emozione….

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento