Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Febbraio 2018
Ci sono 288 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.517 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Tutto pronto sulla piattaforma di lancio 39-A di Cape Canaveral (per intenderci… quella da cui è partito il Saturn V per portare i primi uomini sulla Luna) per il lancio di debutto del razzo vettore Falcon Heavy di SpaceX, il razzo che potrebbe restituire agli Stati Uniti la capacità di trasportare equipaggi umani nello spazio.

    Il razzo Falcon Heavy sulla rampa di lancio LC39-A di Cape Canaveral. (C) SpaceX

    DI  · Astronews.it

    Annunciato nel 2011 da Elon Musk, CEO e fondatore di SpaceX, il vettore pesante della compagnia spaziale Americana con sede a Hawthorne, in California, sarebbe dovuto essere pronto per il lancio dalla base di Vandemberg in California nel 2013.

    Dopo anni di ritardi, ripensamenti e affinamenti del progetto iniziale, a seguito del successo della prima accensione di prova dei 27 motori Merlin-1D avvenuta lo scorso 24 gennaio 2018 e dopo avere ottenuto dalla Federal Aviation Administration (FAA) la necessaria autorizzazione, SpaceX ha confermato che tenterà il lancio del nuovo razzo oggi 6 febbraio 2018.

    Per il debutto del Falcon Heavy la finestra di lancio si apre alle 19:30 ora italiana (18:30 UTC – 13:30 ora locale della Florida) per chiudersi 3 ore dopo, periodo per il quale le condizioni meteorologiche previste sono per lo 80% favorevoli al lancio.

    Con il lancio del Falcon Heavy SpaceX tenterà anche di effettuare il recupero in contemporanea dei 3 booster che compongono il primo stadio del razzo: i due corpi laterali, che dovrebbero completare la fase di spinta circa 2 minuti e mezzo dopo i decollo, torneranno indietro verso Cape Canaveral per tentare l’atterraggio sulle piattaforme preparate da SpaceX  (Landing Zone 1 e 2) mentre il corecentrale, terminata la fase di spinta pochi secondi dopo i booster laterali concluderà il suo volo tentando di atterrare sulla piattaforma OCISLY, in attesa nell’Oceano Atlantico al largo della costa della Florida.

    La Tesla Roadster, con il passeggero Starman, prima di essere rinchiusa nella copertura aerodinamica del Falcon Heavy. (C) Elon Musk

    Se il lancio avrà successo, il risultato finale sarà l’immissione in un orbita intorno al Sole,  con afelio in prossimità dell’orbita di Marte, di una autovettura Tesla Roadster rossa con a bordo “Starman”, un manichino che indossa un prototipo delle tute che SpaceX ha sviluppato per i prossimi equipaggi da inviare con le capsule Dragon V2 sulla Stazione Spaziale Internazionale.

    A seguire una animazione di quanto dovrebbe accadere domani, pubblicata sul canale YouTube di Spacex.

    Qui sotto invece il video per seguire la diretta di domani del lancio trasmessa da SpaceX su Youtube, che presumibilmente comincerà pochi minuti prima delle 19:30 ora italiana.

    Segui la discussione su ForumAstronautico.it

    Licenza (C) Associazione ISAA – Licenza CC BY-NC PLUS


    Aurore Polari. Uno spettacolo di luci, colori e scienza. Storie di Novae. 1I ‘Oumuamua, il primo asteroide interstellare. E molto, molto altro ancora…

    Coelum Astronomia 219 di febbraio 2018 è online, come sempre in formato digitale e gratuito…
    Semplicemente qui sotto, lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

    L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento