AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Agosto 2020
Ci sono 210 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.187 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Scoperti dei dischi di detriti attorno a due nane bianche, formatisi dalla disgregazione di oggetti di dimensioni paragonabili alla Terra o agli asteroidi maggiori del nostro Sistema Solare.

    Secondo i risultati di uno studio condotto da ricercatori della UCLA University col Telescopio Keck I di Mauna Kea (Hawaii), attorno alle due stelle Nane Bianche PG1225-079 e HS2253+8023 si estendono dischi polverosi formati dai detriti di corpi planetari provenienti dalla disgregazione di oggetti di dimensioni paragonabili alla Terra o agli asteroidi maggiori del nostro Sistema Solare.

    Questi dischi, la cui esistenza è stata dedotta dall’impronta caratteristica in assorbimento rilevata sullo spettro di emissione delle stelle dominato dall’elio, sarebbero i residui del “pasto” consumato dalle due stelle ai danni dei corpi rocciosi dei loro sistemi. Le due Nane Bianche, di dimensioni paragonabili a quelle del nostro pianeta, ma con una massa uguale a quella del Sole, possiedono masse di polveri pari alla massa di Cerere, formatesi a distanze simili alla distanza Terra-Sole e di origine non ancora chiarita: potrebbero derivare dalla disgregazione di pianeti, planetesimi o asteroidi, comunque tutti corpi rocciosi.

    Emerge dunque la possibilità di un nuovo modello teorico per la formazione di sistemi planetari attorno alle Nane Bianche: il 30% circa di esse ospita pianeti sia di tipo gassoso sia di tipo roccioso. Subito dopo la loro formazione, i giganti gassosi spingerebbero i pianeti rocciosi su orbite interne e ravvicinate alle stelle, destinati a digregarsi ed essere in parte assorbiti dai loro soli. Le due stelle studiate mostrano la tracciatura del magnesio, del ferro, del silicio, dell’ossigeno e del nickel, perlopiù nei rapporti corrispondenti alla composizione minerale media della crosta terrestre. Se confermato, si tratterebbe della prima conferma sperimentale della formazione di sistemi solari simili al nostro, con lo sviluppo di dinamiche gravitazionali analoghe (pianeti rocciosi interni e giganti gassosi esterni).

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento