AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 211 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 7.392 volte
    3 Commenti
    Commenta
    E’ iniziata la stagione degli eventi mutui dei satelliti di Giove (PHEMU), e nel prossimo numero di Coelum un articolo di Marco Guidi ci racconterà la realizzazione della ripresa amatoriale di un’occultazione di Io e Callisto, pubblicata anche dall’APOD! Bravo Marco!

    La sequenza di immagini riprese da Marco Guidi durante l'occultazione di Io da parte di Callisto del 2/11/14. Credit & Copyright: Marco Guidi

    L’APOD di oggi (26/11/14) è una sequenza di 24 minuti che segue dall’inizio alla fine l’occultazione di Io da parte di Callisto, due dei satelliti galileiani di Giove. La particolarità è che è stata fatta con Dobson da 20″ da San Pietro Polesine, Italia. Una sfida osservativa non da poco per un telescopio amatoriale autocostruito portata a termine dal nostro Marco Guidi. Bravo Marco!

    Lo stesso Marco ci scrive:

    «Quando ho letto la mail di Jerry Bonnell non ci credevo e l’ho letta e riletta 4 o 5 volte perchè stentavo a credere a ciò che c’era scritto: “I can see that it was hard work!  I did set it to run as APOD for Wednesday, November 26″, era mezzanotte e non ho chiuso occhio fino alle 2,30 per la felicità!!! Avevo spedito l’immagine ma non ci speravo anche se ben sapevo il lavoro che c’era dietro e la cosa che più mi ha reso soddisfatto è proprio la frase di Jerry: “I can see that it was hard work!”.

    Non posso non fare dei ringraziamenti a: Tiziano Olivetti, il primo che mi ha dato dei preziosi consigli nel lontano 2004 quando iniziai a fare riprese planetarie; Daniele Gasparri, sempre disponibile ad insegnarmi tecniche di elaborazione; Gianluigi Bianchi, amico vero nella vita e anch’egli pronto in ogni momento ad aiutarmi nei calcoli nelle progettazione degli strumenti che mi sono costruito in questi anni; Romano Zen, per l’ottica da favola di questo 50cm (e anche di tutti gli altri!); Mauro Da Lio, un enorme GRAZIE per aver condiviso il mio progetto ed essersi adoperato alla messa a punto di questo 50cm!

    Questo riconoscimento è il frutto di 10 anni di lavoro, come dico sempre la passione e la costanza nel tempo premiano!

    E non posso dimenticare il Direttore della rivista COELUM il quale mi ha onorato di scrivere un mio esteso articolo su questo mio ultimo lavoro sul prossimo numero di Dicembre»

    E infatti non perdete il prossimo numero 187 di Coelum, con un articolo dettagliato, a firma di Marco Guidi, sulla realizzazione di questa impresa. Il numero sarà disponibile su Coelum.com dalla prossima settimana: in digitale e presto sarà anche acquistabile il singolo numero in carta al prezzo di copertina, spese di spedizione incluse. (Naturalmente, per continuare a leggere e ricevere Coelum a casa senza perdere nemmeno un numero, c’è sempre l’abbonamento!).

    Sull’argomento:

    L’articolo rientra in una serie di contributi, a cui Coelum ha sempre dato spazio e che sta riprendendo negli ultimi numeri, sulle riprese ad alta risoluzione, sfide “al limite” per una strumentazione amatoriale,  e che riguardano in particolare i satelliti dei pianeti. Vedi tra gli altri ad esempio:

    e ancora sempre sull’alta risoluzione:

    Commenta

    3 Commenti a “Io e Callisto, un’occultazione da APOD!”

    1. Luca Maccarini scrive:

      Bravissimo Marco per aver saputo cogliere e rappresentare graficamente questo interessante evento !!
      Buone osservazioni.

    2. Paolo Campaner scrive:

      Grande lavoro e grande Marco. Un raro evento immortalato con un effetto fotografico da specialisti.Meritato APOD!
      Complimenti ancora, come se ce ne fosse bisogno.
      Paolo

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento