AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
5 Agosto 2020
Ci sono 282 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Fotografare le lune dei pianeti QUANTO È DIFFICILE?

Nessun commento
Commenta

Fotografare le LuneUn originalissimo articolo, dove si affronta per la prima volta in maniera analitica la valutazione della difficoltà insita nella ripresa dei più deboli e nascosti satelliti del Sistema solare; e dove una formula costruita ad hoc assegna a ogni luna il suo proprio coefficiente di difficoltà. Con tutta evidenza, questo studio è da considerarsi il prologo a una serie di articoli che aprirà agli amatori un campo di applicazione finora molto poco praticato.
Sono passati poco più di quattro secoli da quando, la sera del 7 gennaio 1610, Galileo notò accanto Giove «tre stelline, piccole invero, seppur lucentissime ». Lui ancora non lo sapeva, ma quelli erano i primi satelliti del Sistema solare mai visti da qualcuno (a parte ovviamente la nostra Luna); una scoperta epocale non solo per l’astronomia, ma per l’intero pensiero umano. Da allora, la ricerca in questo campo non si è ancora fermata. Invisibili a occhio nudo, i satelliti possono essere osservati solo grazie all’ausilio di uno strumento ed è quindi ovvio che la storia della loro scoperta sia andata di pari passo con l’evoluzione della tecnologia.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.185 - 2014 alla pagina 26

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento