AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
13 Dicembre 2019
Ci sono 277 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Giove a 360°

Letto 6.331 volte
Nessun commento
Commenta
E’ stato il desiderio di realizzare l’intero giro del pianeta, di 9 ore e 55 minuti, stimolato anche dal fatto che niente di simile sembrava mai essere stato prodotto, se non alcuni filmati un po’ “scattosi” in bianco e nero, che mi ha spinto a realizzare questo filmato di Giove a 360°.
giove

Giove

L’anno scorso, come qualcuno forse ricorderà, nel sito di “Coelum” era stato pubblicato un filmato che mostrava circa due ore della rotazione di Giove, per ottenere il quale avevo effettuato un film da 60 secondi ogni 10 minuti, applicando al newton da 25 cm una Philips Vesta pilotata da un computer portatile.

L’effetto ottenuto, malgrado la rotazione mostrata non fosse che 1/5 di quella totale, era comunque particolarmente suggestivo, mostrando alcune formazioni dell’atmosfera di Giove in movimento e il parziale transito del satellite Ganimede.
Inevitabile e conseguente a questo primo lavoro, è stato il desiderio di realizzare l’intero giro del pianeta, di 9 ore e 55 minuti, stimolato anche dal fatto che niente di simile sembrava mai essere stato prodotto, se non alcuni filmati un po’ “scattosi” in bianco e nero, mai completi in tutti i 360°.

Ho scartato ben presto l’ipotesi di riprendere Giove nell’arco di una sola notte: avrei dovuto iniziare subito dopo la sua levata e smesso poco prima del suo tramonto, con evidenti limiti sulla qualità delle immagini dovuti alla turbolenza dell’atmosfera a quelle altezze sull’orizzonte.
Ho così pensato di suddividere le riprese in due sessioni da 5 ore in due serate consecutive, in modo da sfruttare sempre l’altezza del pianeta nei pressi del meridiano.
Servivano solamente due serate consecutive di cielo assolutamente limpido dalle 21:00 alle 2:00 circa, possibilmente caratterizzate da buon seeing, per avere una migliore qualità dei fotogrammi.
Il mio nuovo computer, con 20 Gb di Hd e processore da 1600 MHz, mi consente tramite il software K3CCDTools di registrare filmati direttamente in compressione DivX, con eccezionale risparmio di spazio occupato sul disco e una lievissima perdita di informazione, così decido di mantenere l’intervallo tra le riprese a 10 minuti, per un totale di circa 60 filmati, 30 per sera: ciascun film, ripreso a 15 fps (frame al secondo), avrebbe avuto 900 frame da selezionare ed elaborare.
Il periodo migliore per il tentativo sarebbe stato ovviamente quello intorno all’opposizione, quando il pianeta, ben illuminato, è visibile per tutta la notte, e la costante attenzione rivolta alle previsioni meteorologiche mi ha permesso di individuare la possibilità che le circostanze giuste si verificassero “miracolosamente” tutte insieme: la sera del 16 marzo, un’area piuttosto vasta di alta pressione stava investendo l’Italia…
Dovevo approfittarne! Forse era giunto il momento buono!
La sera stessa del 16 marzo alle 20:35 locali scendo (forse è più giusto dire “mi precipito”) sul piazzale avanti al palazzo dove abito alla periferia di Macerata, preparo tutto e inizio a registrare il primo filmato alle 20:50. Lo strumento è fortunatamente già collimato e acclimatato, grazie al posto che ha in garage. Il seeing è molto buono, stimo 6-7/10.
Il lavoro, una volta impostato, sembrerebbe semplice, un click ogni 10 minuti per iniziare i filmati, ma la messa a fuoco va continuamente verificata, il pianeta tenuto sempre al centro del sensore (perderlo di vista potrebbe esser un errore fatale), insomma la tensione è quasi sempre ad alti livelli e la fatica si fa sentire. In compenso mi godo il sorgere ed il completo transito della Grande Macchia Rossa, uno spettacolo indescrivibile.

Il momento più delicato è stato sicuramente quello successivo al passaggio al meridiano, dove ho dovuto girare la posizione del tubo dalla parte opposta della montatura affinché non andasse ad urtare la montatura stessa. In dieci minuti ho dovuto staccare la webcam, girare il tubo, riattaccare la webcam, ripuntare il pianeta, orientarlo nel giusto modo e rimettere a fuoco… il tutto fortunatamente riuscito senza inconvenienti.
Decido di anticipare un po’ la fine delle riprese, accettando però una sessione con inizio anticipato la sera successiva. Così la sera del 17 marzo riscendo in campo alle 20:30. Devo ricominciare la sequenza di film proprio nel momento in cui Giove ha effettuato 2 giri completi dall’ora in cui ho interrotto, ovvero dopo 19 ore e 50 minuti. So che le veloci nubi di Giove potrebbero aver variato la loro forma, ma devo accettare il piccolo “difetto”, che anzi può esser definito l’elemento chiave della riuscita del lavoro.
Il cielo è leggermente più trasparente, me ne accorgo dai parametri di regolazione della webcam, dovendo abbassare leggermente il guadagno. Anche il seeing sembra sugli stessi livelli della sera precedente, inizio a rendermi conto che se tutto andrà bene potrò realizzare qualcosa di veramente unico.
La registrazione prosegue senza inconvenienti, solo alcuni periodi di leggero calo delle condizioni di seeing. Anche l’inversione della posizione del tubo viene effettuata nei tempi previsti, solo piuttosto tardi mi rendo conto che Giove verrà occultato da un palazzo prima della fine dei filmati previsti! Situazione di emergenza: spostamento di tutta l’attrezzatura qualche metro più a sud per riuscire a registrare fino al termine previsto (sempre in un tempo massimo di 10 minuti…). Cerco di sfruttare tutto lo spazio a mia disposizione ma, purtroppo, non riesco a riprendere gli ultimi 3 film, a cui devo rinunciare.
Smonto tutta l’attrezzatura, pensando già al rimedio per coprire il “buco” con cui dovrò confrontarmi.
Prima di questo problema, però devo affrontare il lavoro più pesante: l’elaborazione con Iris dei 57 filmati ripresi….
Mediamente ciascun filmato richiede un’ora di elaborazione…

In circa 15 giorni, durante i ritagli di tempo, riesco ad ultimare questa dura fase.
Preparati tutti i file bitmap con Photoshop, completi di didascalia e orario di ciascun fotogramma, realizzo anche dei frames “intermedi”, mediando ogni coppia consecutiva di fotogrammi per ottenere una migliore “fluidità” del risultato finale.
Quasi snervante l’operazione di allineamento e bilanciamento cromatico di ciascun frames, il risultato finale non è perfetto, ma comunque accettabile.
Il cambio del giorno è stato allineato prendendo come riferimento il grande ovale BA (a tale proposito, vedi anche il notiziario di Coelum in questo numero), e purtroppo, come avevo previsto, in un punto del filmato finale si nota un piccolo scatto dovuto alle variazioni di posizione delle nubi, in particolar modo di quelle equatoriali.
Per quanto riguarda i 40 minuti “buchi” a causa dell’assenza dei 3 filmati finali, grazie alla funzione “Rendering > trasformazione 3D” riesco ad ottenere i fotogrammi necessari, incrociando il primo e l’ultimo di cui disponevo ogni volta con differenti rotazioni.
Questi fotogrammi “artificiali”, per “onestà”, sono riconoscibili dall’orario, che segna 88:88.
Il filmato di 121 frames è stato composto col software “pjBMP2avi”, scegliendo una frequenza di 13 fps, per un tempo di circa 10 secondi…. Che riassumono circa 100 ore totali di lavoro!!!
Alla fine di tutto credo che la fatica fatta valga la bellezza del risultato raggiunto, una volta messo in “loop” il filmato, si vedrà Giove ruotare continuamente, senza il pensiero di trovarsi di fronte ad una qualsiasi simulazione!

Download del Filmato
Per visualizzare il filmato è necessario il codec DivX reperibile gratuitamente qui.

 

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento