AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Agosto 2018
Ci sono 303 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Serata osservativa: 6R10DB9, la nostra seconda luna

Letto 2.566 volte
Un Commento
Commenta
La sera del 20 giugno 2007, presso il Centro Astronomico di Libbiano Peccioli (PI), l’ AAAV – Associazione Astrofili Alta Valdera – ha programmato una seduta osservativa con l’intento di riprendere lo strano oggetto astronomico denominato 6R10DB9.

La sera del 20 giugno 2007, presso il Centro Astronomico di Libbiano Peccioli (PI), codice MPC B33, i soci Bacci Paolo, Biasci Francesco, Piludu Paolo, Rossi Enzo e Rossi Emilio dell’AAAV – Associazione Astrofili Alta Valdera – hanno programmato una seduta osservativa con l’intento di riprendere lo strano oggetto astronomico denominato 6R10DB9, scoperto dalla Catalina Sky Survey (università Arizzona) il 14 settembre 2006.
Inizialmente classificato come asteroide di tipo NEO, in base alle successive osservazioni è stato catalogato come Distant Artificial Satellite.
Questo curioso oggetto, la cui origine è tutt’ora sconosciuta, è stato definito da alcuni astronomi come la nostra “seconda luna”.
Le sue ridotte dimensioni, circa 4 metri, hanno indotto alcuni a pensare che possa trattarsi di pezzo di roccia lunare che a seguito di un impatto meteorico è stato espulso dal nostro satellite.

Cartina

Sta di fatto che l’oggetto ha un orbita molto particolare, tanto da trovarsi al momento della scoperta a soli 2,2 LD (Distanze Lunari).
Intorno alla metà di giugno l’astro si trovava in condizioni ottimali per essere nuovamente osservato.

Utilizzando il telescopio RC 500mm, F/8, abbinato ad una CCD di 1024×1024 pixel utilizzata a binning 2×2 sono state ottenute immagini con una risoluzione di circa 2,4”/pixel, con un campo inquadrato di circa 20′x20′.

Utilizzando il telescopio RC 500mm, F/8, abbinato ad una CCD di 1024×1024 pixel utilizzata a binning 2×2 sono state ottenute immagini con una risoluzione di circa 2,4”/pixel, con un campo inquadrato di circa 20′x20′.
In considerazione dell’elevato moto proprio dell’oggetto sono state riprese varie serie di immagini da 10 secondi ciascuna, sommate con la tecnica dello stack al fine di individuare l’oggetto.
Le condizioni atmosferiche non erano certo delle migliori, il seeing era pessimo.

Per i soci dell’ AAAV è sta una vera soddisfazione riuscire ad identificare tale oggetto.

oggetto 6R10DB9

oggetto 6R10DB9

Nell’immagine qui sopra si evidenzia nel quadrato l’oggetto 6R10DB9, con il cerchio viene indicato il punto teorico dove secondo le effemeridi si doveva trovare.

Successivamente è stata realizzata una successiva serie di immagini al fine di evidenziare lo spostamento dell’oggetto.

Spostamento

Spostamento

Si apprezza lo spostamento dell’oggetto.
Per questa immagine valgono le stesse considerazioni della precedente, si evidenzia lo spostamento dell’oggetto.

Spostamento dell'oggetto

Spostamento dell'oggetto

Si evidenzia nel cerchio l’oggetto
Dati:
data 20/06/2007 23:02:39 UT
Luogo Centro Astronomico Libbiano Peccioli (PI)
Telescopio RC 500 mm a F8 –
CCD 1024×1024 pixel risoluzione 2,24”/pixel
somma di 19 immagini da 10 secondi ciascuna
Stack 20” PA 200; distanza dalla terra KM 578706.
Software utilizzato: astrometrica e DS9.

Elaborazione in falsi colori

Nell’immagine qui sopra si evidenzia in falsi colori l’oggetto: a sinistra zoom 3x a destra zoom 2x.



 

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento