AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Novembre 2019
Ci sono 239 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Il Cielo di Aprile 2019

Letto 3.664 volte
Nessun commento
Commenta
Giunti al mese di aprile, volgendo lo sguardo al cielo poco dopo l’inizio della notte astronomica (ovvero poco dopo le 22:00), potremo notare le grandi costellazioni tipiche del periodo invernale, Orione e Toro su tutte, che stanno ormai declinando verso l’orizzonte occidentale: la primavera è iniziata e la stagione invernale ci sta salutando.

La cartina mostra l'aspetto del cielo alle ore (TMEC): 1 Apr > 00:00; 15 Apr > 23:00; 30 Apr > 22:00. Crediti Coelum Astronomia CC-BY

EFFEMERIDI
(apr.-ott. 2019 – TU+2)

Luna

Sole e Pianeti

Solo l’Auriga, con la splendente Capella, e i Gemelli, più alte in declinazione, terranno ancora testa alle incalzanti costellazioni primaverili. Tra queste, l’imponente figura trapezoidale del Leone dominerà il cielo in meridiano, seguito più a est dalla Vergine, con la brillante Spica, e dal Boote, con la rossa Arturo, facilmente rintracciabile in cielo.

Sull’orizzonte di est–nordest, comincerà invece ad alzarsi la figura dell’Ercole, seguita a notte fonda dalla Lira e dal Cigno, le cui stelle principali, Vega e Deneb, tracciano (assieme ad Altair, nell’Aquila) il famoso “triangolo” che ci spinge già ad assaporare con la mente il caldo periodo estivo. Lo zenit sarà invece dominato dal Grande Carro dell’Orsa Maggiore.

Continua l’esplorazione del cielo con:

➜ Il Cielo di aprile con la UAI che questo mese ci porta al centro dell’Ammasso della Vergine

➜ Per l’osservazione al telescopio: Visioni galattiche nel Leone

IL SOLE

Il Sole si muoverà nella costellazione dei Pesci fino al 20 aprile, data in cui entrerà in Ariete. Complessivamente, nel corso del mese guadagnerà 10° in declinazione, passando dai +53° ai +63° come massima altezza raggiunta sull’orizzonte al momento del transito al meridiano. Ciò si tradurrà in una durata della notte astronomica che supererà di poco le 7 ore (in media): se a inizio mese il crepuscolo astronomico finirà verso le 21:15, alla fine bisognerà attendere le 22:15, mentre al mattino le osservazioni non potranno protrarsi mediamente oltre le 5:00.

➜ Continua a leggere sul Cielo di Aprile

COSA OFFRE IL CIELO

Per quanto riguarda i pianeti, MercurioVenere e Marte si fanno sempre meno alti e brillanti. Se Mercurio sparirà del tutto nella seconda metà del mese, i secondi due potranno comunque continuare ad essere osservati, rispettivamente nel cielo del mattino e della sera (Marte tramonta prima della mezzanotte), ma sicuramente non nelle loro migliori condizioni. GioveSaturno, invece, continuano sempre più a prendersi la scena, proiettati verso le loro opposizioni estive.

Approfondisci le condizioni dei singoli pianeti, dei pianeti nani e dei principali asteroidi nella sezione dedicate del Cielo del mese di Aprile.

Crediti: Coelum astronomia CC-BY

Segnaliamo invece tra i tanti incontri tra Luna e gli astri di questo mese, che trovate sempre tra le pagine della rivista o in questa sezione del sito nel corso del mese, un evento in particolare:

13 aprile La Luna occulta M 44

Nonostante si trovi in fase del 61%, e quindi con una luminosità non trascurabile, tra le ore 21:00 del 13 aprile e l’1:00 del 14 aprile, sarà comunque possibile osservare il lembo oscuro della Luna occultare in successione alcune stelle del l’ammasso. Per l’osservazione occorrerà un binocolo o un piccolo telescopio.

Mentre per quanto riguarda gli sciami meteorici è il momento delle Liridi, ma solo nominalmente, la scarsa quantità di meteore per ora e il chiarore della Luna non le rendono particolarmente appetibili, ma qualche bella meteora luminosa potrebbe sempre apparire, il massimo è previsto tra il 22 e il 23 aprile. Al link dettagli e cartina.

Per quanto riguarda le falci lunari, le troviamo concentrate prima e dopo la Luna Nuova del 5 aprile.

Trovate come sempre tutte le informazioni sulle rubriche:

E ancora su Coelum astronomia 232

➜ La LUNA di aprile.
Approfondimento: Guida all’osservazione della regione polare settentrionale (Parte D).

➜ Leggi le indicazioni di Giuseppe Petricca sui principali passaggi della ISS

Comete. Una sfida al limite: la 123P/West-Hartley

➜ Supernovae: Una nuova possibilità per gli astrofili

La Chioma di Berenice (I parte): storia e mito

Addio Iridium flare. Un report sul progetto Catch the Iridium

➜ Astrofotografia: le corone lunari

e il Calendario di tutti gli eventi di aprile 2019, giorno per giorno!

Hai compiuto un’osservazione? Condividi le tue impressioni, mandaci i tuoi report osservativi o un breve commento sui fenomeni osservati: puoi scriverci a segreteria@coelum.com.
E se hai scattato qualche fotografia agli eventi segnalati, carica le tue foto in
PhotoCoelum!

Tutti consigli per l’osservazione del Cielo di Marzo su Coelum Astronomia 231

Leggilo subito qui sotto online, è gratuito!

Semplicemente lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento