AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
13 Dicembre 2018
Ci sono 218 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Arrivano le LEONIDI, ma al minimo e con Luna… “invadente”

Letto 2.324 volte
Nessun commento
Commenta
Il passaggio al perielio della 55P/Tempel-Tuttle, la cometa progenitrice dello sciame, è avvenuto ormai da più di 15 anni, ma in tutto questo tempo le Leonidi non hanno mai smesso di affascinare gli osservatori, che ogni anno tornano ad aspettarle, pur sapendo che non si verificheranno delle “piogge” grandiose.

Quello delle Leonidi è storicamente lo sciame che con più regolarità è riuscito a non deludere le attese degli osservatori nel corso degli ultimi secoli, producendosi a intervalli più o meno regolari in straordinarie tempeste di meteore (1833, 1866, 1966, 1998…). Per ritrovare la “tempesta” basterà probabilmente aspettare il 2031, anno del ritorno al perielio della cometa. Per il momento dovremo accontentarci dell’incontro della Terra con le rade polveri sparse su tutto il suo percorso orbitale, ma la sorpresa è sempre possibile!


PER FOTOGRAFARE qualsiasi sciame meteorico, i consigli sono gli stessi pubblicati questa estate sullo Speciale Perseidi di Coelum 202, vi ricordiamo in particolare l’articolo di Sebina Pulvirenti “Come riprendere le Perseidi con lo SMARTPHONE” con a margine i consigli di Daniele Gasparri per riprenderle con Reflex o CCD.
Come sempre in formato digitale e gratuito, sfogliabile online o scaricabile in pdf.

Il radiante situato nella “falce” del Leone è normalmente attivo dal 14 al 21 novembre, con un massimo attorno al 17 e uno ZHR (Zenital Hourly Rate) normalmente sull’ordine delle 10-15 meteore/ora. Le previsioni di quest’anno confermano che lo ZHR sarà ai livelli delle 15 meteore l’ora, con un picco nella notte tra il 16 e il 17 novembre (più probabile alle 5:00 del 17); a quell’ora il radiante (AR 10,3h; Dec +21,6°) posto nei pressi di Algieba (gamma Leonis) sarà già ben alto sull’orizzonte est-sudest (più di 60°).

Purtroppo nel cielo sarà presente, non a grande distanza, la Luna, con fase del 90%, che con la sua luce disturberà non poco l’osservazione, rendendo quindi tutto più difficile. Inoltre, il tempo per l’osservazione in concomitanza del picco sarà molto breve poiché il chiarore del crepuscolo del mattino inizierà già alle 5:26.

In ogni caso, per chi vorrà tentare comunque l’osservazione, non resta che incrociare le dita, fidando, più che nella quantità, nella caduta di qualche bolide spettacolare.

Leggi l’articolo su Coelum di novembre

Tutte le effemeridi di Luna e pianeti le trovi nel Cielo di Novembre


Tutti gli eventi del cielo di novembre su Coelum 205. Semplicemente clicca e leggi… è gratuito!


Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento