Home News di Astronomia L’Istituto Nazionale di Astrofisica sbarca a Camerino

L’Istituto Nazionale di Astrofisica sbarca a Camerino

Letto 2.010 volte
0

Grandi novità per la cittadina di Camerino e per il suo prestigio. Oggi infatti è stato approvato e così ufficializzato l’accordo fra l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e l’Università degli Studi di Camerino (UNICAM) per l’apertura di una nuova sede. Il nuovo dipartimento sarà situato presso la Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie.

«La nuova collaborazione è una grande opportunità per il nostro Ateneo», ha espresso con soddisfazione il Rettore di UNICAM, prof. Claudio Pettinari, «Abbiamo previsto programmi di ricerca e di supporto didattico co-finanziati dai due Enti con lo scopo di promuovere un’offerta didattica su tematiche comuni, con un occhio di riguardo al dottorato di ricerca, per formare figure professionali altamente qualificate».

Il Rettore e il Presidente INAF prof. Marco Tavani hanno lavorato duramente per il rafforzamento e l’ufficialità della collaborazione tra i due Enti, per favorire attività di ricerca nei settori dell’astrofisica, dell’astronomia e delle scienze dello spazio, dove sono coinvolti numerosi docenti e ricercatori della Scuola di Scienze e Tecnologie.

Nella nuova sezione, di cui il Responsabile sarà il prof. Gabriele Giuli, è prevista l’apertura e la condivisione di laboratori e strumentazioni scientifiche e tecniche, per raggiungere gli obiettivi di ricerca prefissati nel piano triennale della sezione e garantire nuovi sbocchi lavorativi.

La nuova sede si aggiungerà all’elenco di quelle già esistenti distribuite in tutta Italia. Si colma così un vuoto che vedeva nella regione Marche l’assenza di un punto di riferimento per l’INAF che ricordiamo di pone oggi ai massimi livelli mondiali nella ricerca Astrofisica con un importante contributo apportato alle principali missioni di indagini operative nel Sistema Solare.

Anche da Coelum Astronomia i complimenti all’ateneo e all’INAF per l’ottimo traguardo raggiunto.

Articolo precedenteParker Solar Probe, la sonda dei record minacciata da pulviscolo spaziale
Articolo successivoCome la pandemia ha ridotto le emissioni di C02