Home News di Astronomia Una supernova in IC 1296! Chi l’ha vista?

Una supernova in IC 1296! Chi l’ha vista?

Letto 7.084 volte
1

Nella costellazione estiva della Lyra, vicino alla stupenda e famosa nebulosa planetaria Ring Nebula (Nebulosa Anello – M57), c’è una piccola galassia a spirale barrata, IC 1296, non conosciuta da tutti perché sempre all’ombra della molto più fotogenica M57. Finalmente questa piccola galassia, distante circa 230 milioni di anni luce, è riuscita ad attirare su di se l’attenzione di chi fa ricerca di supernovae.

Un'immagine della SN 2013ev esplosa nella piccola IC 1296, vicina della più famosa M57. L'immagine è stata ottenuta con un Newton da 254 mm e focale 1200 mm e un tempo di posa di 14x300 secondi, pari ad un totale di 70 minuti! Cortesia Sergio Bove

Nella notte dell’11 agosto F. Ciabattari, E. Mazzoni e G. Petroni, con il telescopio Newton da 50 cm dell’Osservatorio di Monte Agliale (Lucca),  scoprono infatti una supernova di mag. +17,2 in IC 1296 ed analizzando immagini d’archivio si accorgono che la supernova era già presente in una loro precedente immagine del 3 agosto – appena visibile di mag. +18,7 e per questo non notata.

Lo spettro, ripreso la notte del 12 agosto da Asiago con il telescopio Copernico di 1,82 metri, ha evidenziato che si tratta di una supernova di tipo II scoperta poco dopo l’esplosione; le è stata assegnata la sigla SN 2013ev.

La scoperta indipendente è stata assegnata anche all’astrofilo tedesco Manfred Kliemke grazie a un’immagine ripresa l’8 agosto (quindi antecedente la scoperta di Monte Agliale) ma comunicata soltanto il giorno dopo la scoperta dei lucchesi.

.

In una immagine del 1 agosto, ripresa da Fabio Martinelli dell’Osservatorio di Montecatini val di Cecina, la supernova non era visibile mentre, come abbiamo già detto, compare per la prima volta nell’immagine eseguita dal team dell’Osservatorio di Monte Agliale il 3 agosto (entrambi gli osservatori fanno parte dell’Italian Supernovae Search Project).

Sarebbe perciò utilissimo avere un’immagine ottenuta nella notte del 2 agosto per capire se l’esplosione è avvenuta in quella data. Sono comunque altrettanto utili immagini riprese nei primi dieci giorni del mese di agosto. Nel periodo estivo la Ring Nebula si trova allo zenit già in prima serata ed è uno dei soggetti più bersagliati da chi fa fotografia astronomica; perciò chiediamo ai lettori d’inviare eventuali immagini riprese in quel periodo al seguente indirizzo mail: fabiobriganti@libero.it

In questo mese di agosto la supernova si sta mantenendo come luminosità intorno alla mag. +17,0.
Non è perciò un oggetto notevole, ma vale la pena immortalare M57 e IC1296 con l’insolito ospite, perché chissà quando capiterà nuovamente questo raro terzetto!

Per maggiori informazioni:

Articolo precedenteAl Planetario di Ravenna
Articolo successivoGruppo Astrofili Rozzano

1 commento