Home News di Astronomia Apre il Parco Astronomico di Isnello

Apre il Parco Astronomico di Isnello

Letto 7.731 volte
0
Visione notturna della terrazza osservativa con cupola mobile all’interno della quale vi sono 12 telescopi. Crediti: Sabrina Masiero
Il Parco Astronomico con ben visibile la cupola del Planetario. Crediti: Sabrina Masiero

Occhi puntati su Isnello (Palermo), dove il prossimo 11 settembre verrà inaugurato il Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche GAL HASSIN. Sono previste oltre 2000 persone per il taglio del nastro.

Pronto il nuovo polo della Didattica e della Divulgazione dell’Astronomia verso il pubblico e la Scuola, con il planetario digitale (cupola di 10 metri di diametro e 75 posti); una terrazza osservativa con cupola mobile dove si trovano ben 12 strumenti di osservazione; un radiotelescopio con una parabola di 2,3 metri; un laboratorio astronomico all’aperto composto da vari orologi solari, quali il Cerchio di Ipparco, il Plinto di Tolomeo, la Rosa dei venti, e vari exhibit; un mappamondo monumentale con supporto ed asse di rotazione; un planisfero; un laboratorio solare in cui tramite un eliostato potrà essere proiettato su uno schermo il disco solare in tempo reale per la sua analisi. Vi saranno delle sale didattiche con vari exhibit interattivi, un’esposizione dei principali tipi di meteoriti e due aule didattiche.

Il mappamondo del Gal Hassin. Crediti: Sabrina Masiero

Attualmente, in queste sale sono allestite le mostre dell’INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica “Passato, presente e futuro dell’Astrofisica in Italia”, dell’ASI-Agenzia Spaziale Italiana sulle missioni ExoMars e Rosetta e quella di Officina Stellare con un telescopio riflettore di 60 centimetri di diametro, che è la versione ridotta di quello di 1 metro, a grande campo (circa 7 gradi quadrati) che verrà montato sulla sommità del Monte Mufara (1865 metri) entro pochi anni. Sarà un telescopio robotico e fruibile in remoto da una sede operativa che avrà sede a Piano Battaglia.

Il Parco Astronomico Gal Hassin sarà, dunque, un centro di ricerca di primo livello nel panorama non solo italiano ma anche europeo e mondiale.

Dal 3 settembre sono visitabili le seguenti mostre presso il Parco Astronomico Gal Hassin:

EXOMARS (ROBOTIC EXPLORATION OF MARS) e LA MISSIONE DELLA SONDA ROSETTA ALLA COMETA 67P/CHURYUMOV-GERASIMENKO a cura dell’ASI- Agenzia Spaziale Italiana;

PASSATO, PRESENTE E FUTURO DELL’ASTROFISICA IN ITALIA a cura dell’INAF- Istituto Nazionale di Astrofisica;

IL TELESCOPIO “A GRANDE CAMPO” DI ISNELLO a cura di Officina Stellare. Orari: 10-12 e 16 -18. Visite guidate dal 4 al 18 settembre 2016 (tranne nei giorni 9, 10 e 11 settembre). Ingresso € 5,00

Mostra IL LOGO DEL GAL HASSIN, presso Museo Trame di Filo, Viale Impelliteri. Dal 12 al 18 settembre 2016. Orari: 10:12 e 16-18. Ingresso libero.

Il Planetario è aperto con lo spettacolo: L’UNIVERSO IN UNA STANZA
Orari: 4, 5, 8 settembre e dal 12 al 18 settembre 2016. Ogni giorno, alle 19.  Ingresso € 5,00. Prenotazioni: tel. 0921 662890 (dalle 8:30 alle 10:30); tel. 329 8452944 (Fabio Cangialosi).

Programma delle giornate di inaugurazione (PDF)

Sito ufficiale galhassin.it


Coelum 203 di settembre 2016 è online!
Semplicemente… clicca e leggi, è gratis!


Articolo precedenteCassini: nuove immagini radar svelano altri dettagli della superficie di Titano
Articolo successivoAstronomiamo – Appuntamenti di settembre