Home Articoli e Risorse On-Line Encelado, la luna di Saturno, è l’obiettivo dell’ESA 2050

Encelado, la luna di Saturno, è l’obiettivo dell’ESA 2050

Letto 2.265 volte
0
Encelado catturato dalla sonda Cassini: Crediti NASA/JPL-Caltech/University of Arizona/LPG/CNRS/University of Nantes/Space Science Institute
Tempo di lettura: 3 minuti

Una crosta fresca e ghiacciata che nasconde un oceano profondo ed enigmatico. Pennacchi dacqua esplodono attraverso le fessure del ghiaccio, sparati nello spazio. Un intrepido lander raccoglie campioni e li analizza alla ricerca di tracce di vita.

L’ESA ha iniziato a ragionare su come trasformare un simile scenario in realtà, ideando una missione per indagare su un mondo oceanico attorno a Giove o Saturno. Ma quale luna dovremmo scegliere? Cosa dovrebbe fare esattamente la missione? Un team di scienziati esperti ha presentato le proprie considerazioni.

La missione per capirsi dovrebbe seguire JuiceLISA e NewAthena come la prima missione di “grande classe” di Voyage 2050, il cui piano a lungo termine “le lune dei pianeti giganti del Sistema Solare” per le attività scientifiche spaziali dell’ESA è stato scelto nel 2021e per tradurre questo tema in concetti di missione più concreti, l’ESA ha selezionato un comitato di eminenti scienziati planetari.

Il loro compito? Analizzare i meriti scientifici della visita di varie lune di Giove o Saturno e aiutare l’ESA a tracciare le strade verso soluzioni tecniche innovative che renderebbero possibile tale missione.

Le priorità scientifiche sono state stabilite nell’ambito delle raccomandazioni del Voyage 2050 : la missione dovrebbe concentrarsi sull’abitabilità di un mondo oceanico indagando i legami tra il suo interno e l’ambiente circostante, nonché cercando segni di vita passata o presente e cercando di identificare la chimica vitale in superficie.

ESA/Science Office

Ambizioso ma realizzabile. Sempre.

Naturalmente i grandi sogni devono sempre restare entro i limiti di ciò che è tecnicamente fattibile ed economicamente sostenibile. Mentre il team del dottor Martin si concentrava sulla scienza, gruppi di ingegneri del Concurrent Design Facility dell’ESA hanno analizzato quale tipo di missione sarebbe realistica considerando le tecnologie che prevediamo di aver sviluppato entro i prossimi due decenni.

“Abbiamo commissionato tre studi CDF incentrati sulle lune più promettenti: Europa di Giove ed Encelado e Titano di Saturno”, spiega il dottor Frederic Safa, capo del dipartimento Missioni future dell’ESA. “Il team di scienziati ha lavorato a stretto contatto con gli ingegneri del CDF sugli obiettivi di ogni studio. I risultati hanno aiutato a definire cosa si potrebbe fare con le risorse a cui avremo accesso negli anni ’40”.

and the winner is…

Mirando alla scienza della trasformazione, considerando le caratteristiche di ogni luna e le future missioni pianificate su Giove e sui mondi oceanici di Saturno, gli scienziati hanno identificato Encelado, luna di Saturno, come l’obiettivo più avvincente, seguito da Titano, ancora luna di Saturno, e poi da Europa, luna di Giove.

Nessuna agenzia spaziale è mai atterrata sul piccolo Encelado eppure il satellite ha un enorme potenziale per la nuova scienza, in particolare nel campo dell’abitabilità.

È generalmente accettato che esistano tre condizioni affinché un “ambiente abitabile” possa potenzialmente sostenere la vita come la conosciamo: la presenza di acqua liquida, una fonte di energia e un insieme specifico di elementi chimici.

Encelado catturato dalla sonda Cassini: Crediti NASA/JPL-Caltech/University of Arizona/LPG/CNRS/University of Nantes/Space Science Institute

Encelado spunta tutte e tre le caselle. I pennacchi che fuoriescono dalla sua crosta ghiacciata sono ricchi di composti organici, alcuni dei quali sono fondamentali per la vita. L’oceano sembra anche contenere una potente fonte di energia chimica che potrebbe alimentare gli organismi viventi.

In piedi sulle spalle dei giganti

Basandosi sul Jupiter Icy Moons Explorer (Juice) dell’ESA e sulla missione Cassini-Huygens della NASA/ESA/ASI  per visitare Saturno e atterrare su Titano, questa nuova missione trasporterebbe strumentazione di prossima generazione in grado di rivelare segreti inimmaginabili di un mondo oceanico come Encelado.

Ipoteticamente la missione potrebbe partire all’inizio degli anni ’40 lanciata con un  Ariane 6, arrivando a destinazione circa un decennio dopo. Nello stile di Juice e Cassini-Huygens, la missione, se mirata verso Encelado o Titano, potrebbe compiere un fantastico tour nel sistema di Saturno, comprendendo sorvoli di altre lune sconcertanti, prima di  un’indagine ravvicinata del gran finale  dell’obiettivo prescelto. .

Fonte: ESA