Home Articoli pubblicati su Coelum Riprese solari in H Alfa – n. 254 Coelum Astronomia

Riprese solari in H Alfa – n. 254 Coelum Astronomia

Letto 335 volte
0

Quando scatto delle immagini del Sole,
la nostra stella mi si presenta
come un rosso ed intenso quadro impressionista.
I vortici continui della superficie mi incantano ogni volta.

Giovanna Ranotto, astrofotografa

Per questo articolo, ho voluto proporvi tre immagini della cromosfera della nostra stella, così come si presentava giovedì 28 ottobre 2021.
Le immagini sono state scattate tra le 13.42 e le 14.09 ora italiana dalla località di Sciolze in provincia di Torino sulle colline a ridosso della città.

Nonostante sia agli inizi con questa tecnica di riprese del Sole e a causa del poco tempo che ho a disposizione per dedicarmi alla mia passione, mi ritengo abbastanza soddisfatta dei risultati che sto ottenendo.

Certo le difficoltà non sono mancate, ma pian piano, grazie all’esperienza, a molti tentativi falliti e con i preziosi consigli di amici astrofotografi solari più esperti di me, sto gradualmente acquisendo una buona pratica.

Ma come mi sono avvicinata all’astrofotografia solare?

In primis ritengo sia importante conoscere la teoria sul funzionamento del Sole e delle stelle in genere e possibilmente avere già un po’ di dimestichezza nelle osservazioni solo visuali del Sole le quali consentono di prendere confidenza con le caratteristiche principali della nostra stella.

L’osservazione e l’astrofotografia solare mi appassionano per la mutevolezza della nostra stella. Ogni giorno c’è sempre qualche dettaglio diverso: magari una protuberanza ha cambiato forma, oppure una macchia solare ha cambiato posizione, o anche si notano dei dettagli non sempre facili da identificare, insomma non ci si annoia mai!

L’Articolo completo è disponibile su COELUM ASTRONOMIA N° 254 FEBBRAIO MARZO 2022.

➡➡➡➡➡   Acquista la tua copia ora! ⬅⬅⬅⬅⬅ 

EDIZIONE LIMITA SOLO POCHE COPIE DISPONIBILI!

Articolo precedenteVivere le missioni robotiche con l’image processing – n. 254 Coelum Astronomia
Articolo successivoOsservare è un’arte. Rubrica Pictores Caeli – n. 254 Coelum Astronomia