Home Articoli pubblicati su Coelum Vivere le missioni robotiche con l’image processing – n. 254 Coelum Astronomia

Vivere le missioni robotiche con l’image processing – n. 254 Coelum Astronomia

Letto 166 volte
0

In meno di un secolo, l’uomo ha inviato nello spazio migliaia di sonde, lander e rover che hanno fatto la storia visitando angoli inesplorati del nostro Sistema Solare.

In questo momento, una flotta robotica composta da veterani e dalla più recente generazione sta trasmettendo dati e immagini dall’orbita terrestre, dalla Luna, dal Sole, dai pianeti interni ed esterni, dalla fascia di Kuiper e persino dallo spazio interstellare.

NASA/JPL-CALTECH/MSSS PROCESSING: ELISABETTA BONORA &
MARCO FACCIN / ALIVEUNIVERSE.TODAY

Queste navicelle e robot di superficie estendono i nostri sensi nello spazio con i loro strumenti scientifici:

Sono i nostri occhi, il nostro udito, il nostro tatto e anche olfatto e gusto.

Tra tutti, gli strumenti di imaging, che possono includere fotocamere, telescopi, spettrometri, radar, sono certamente i più amati dal pubblico: grazie a loro riceviamo immagini spettacolari di luoghi esotici e inesplorati.

Molte missioni condividono pubblicamente queste foto, quasi in tempo reale, altre le rendono disponibile dopo qualche mese o anno, altre ancora non rilasciano quasi nulla. Ma, quando ci sono, questi cataloghi di immagini grezze offrono un modo coinvolgente per vivere l’esplorazione spaziale in prima persona.

L’Articolo completo è disponibile su COELUM ASTRONOMIA N° 254 FEBBRAIO MARZO 2022.

➡➡➡➡➡   Acquista la tua copia ora! ⬅⬅⬅⬅⬅ 

EDIZIONE LIMITA SOLO POCHE COPIE DISPONIBILI!

Articolo precedenteM1 Nebulosa del Granchio – n. 254 Coelum Astronomia
Articolo successivoRiprese solari in H Alfa – n. 254 Coelum Astronomia