AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Novembre 2019
Ci sono 178 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Sole in H-Aplha: fotosfera + protuberanze

Letto 4.519 volte
2 Commenti
Commenta
Sole in H-Aplha: fotosfera + protuberanze

Fotosfera solare ripresa in H-Alpha con Coronado PST su montatura Celestron CG5. Camera Magzero MZ-5M + barlow 2x con filtri W29+IR-UV-Cut. Elaborazione con Autostakkert 2.3.0.21 + histogram stretch – smart sharpen – highpass filter – maschera di contrasto.

Data e Ora di acquisizione
10 Maggio 2014 alle 11:57
Filtri Utilizzati
W29 IR-UV-Cut
Diametro del Telescopio
40 mm (1")
Focale di Acquisizone
800 mm
Soggetti
, , ,
Schema Ottico del Telescopio
Rifrattore.
Marca del Telescopio
Coronado PST
Tipo Immagine
Dispositivo di Acquisizione
Commenta

2 Commenti a “Sole in H-Aplha: fotosfera + protuberanze”

  1. Tonini Marco scrive:

    Salve Nicola, la tua foto è un pò “datata”, (10 maggio), ma comunque impressionante e ben definita. Saluti, alla prossima.

  2. Nicola Schiavon scrive:

    Ho un mucchio diarretrati e quando ho tempo elaboro! Grazie 1000 per l’ “impressionante”! Diciamo che non è malaccio per un diametro di 40mm ed essendo quasi le prime foto del Sole in H-Alpha. Probabilmente ho “tirato” il PST quasi al limite delle sue capacità…

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento