AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Ottobre 2018
Ci sono 234 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.813 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Piccolo incidente di percorso per il telescopio spaziale Hubble, fermo da qualche giorno per un problema a un giroscopio. Nulla però di non superabile, assicura la NASA, il telescopio spaziale continuerà ancora per molto a mostrarci straordinarie immagini del cielo profondo e a fornire dati alla ricerca.

    Il telescopio spaziale Hubble ci ha abituati alle sue meravigliose immagini del cielo profondo, oltre alla sua missione scientifica ha sempre avuto anche una “missione pubblica”, per suscitare meraviglia e avvicinare il grande pubblico all’astronomia. E non c’è dubbio che la cosa abbia funzionato e che sia forse l’osservatorio (da terra o dallo spazio) più popolare della NASA, ma da qualche giorno è entrato in “safe mode” allertando sia la comunità di esperti che dei tanti amatori e “ammiratori”.

    Giovedì scorso infatti (il 5 ottobre alle 6:00 EDT, mezzogiorno per l’Italia) uno dei tre giroscopi utilizzati per controllare i movimenti del telescopio spaziale non ha funzionato, innescando quindi la modalità “safe mode”, una modalità che riduce al minimo le operazioni vitali dello strumento per evitare maggiori danni in una situazione problematica, in attesa che il controllo a terra individui e risolva il problema.

    Ma la NASA è più che ottimista, e sta lavorando per riportare alla normalità il tutto, assicurando che il telescopio potrà lavorare ancora a pieno regime per gli anni a venire.

    Hubble è infatti dotato di strumentazione “ridondante”, proprio per superare momenti di crisi come questo. Nel caso specifico è dotato di ben 6 giroscopi, nonostante ne usi solo tre e sia in grado di portare avanti le operazioni fondamentali anche con uno soltanto.
    Inoltre, questo giroscopio in particolare, aveva già da tempo dato segni di “vecchiaia”, era almeno un anno che mostrava di essere verso la fine della sua operatività, esattamente come successo ad altri due dei sei iniziali.

    A questo punto quindi, alla peggio, resterà con tre giroscopi che garantiranno comunque la sua operatività ancora per molto tempo, anche se, nel caso, la NASA attiverà quella che viene chiamata modalità a “giroscopi ridotti” (“reduced-gyro”), ovvero utilizzerà uno solo dei tre giroscopi rimasti, garantendo comunque l’operatività, anche se con un minor campo di cielo disponibile a ogni osservazione, ma con una maggiore sostenibilità per l’intero sistema e le operazioni future.

    Per il momento però ancora non è detto, la NASA si prende tempo per svolgere test e controlli per capire se il giroscopio in questione può ancora essere recuperato e rimesso in funzione in qualche modo, rimandando il suo “pensionamento” per un altro po’ e garantendo una modalità a tre giroscopi come fin’ora.

    L'ultimo del Frontier Field - Abell 370. In questa immagine, l'ultima ripresa rilasciata del progetto Frontier Field, dell'ammaso di galassie Abell 370, a 5 miliardi di anni luce da noi! E' stato uno dei primi ammassi in cui Hubble ha osservato il fenomeno di lente gravitazionale, che distorcendo lo spaziotempo ci rende possibile individuare galassie lontane (che vediamo come distorte come archi di luce) dietro a oggetti massici che funzionano proprio come una lente di ingrandimento.


    In attesa di nuove e stupefacenti immagini, godiamoci qui in alto a destra l’immagine che ha concluso, il 4 maggio del 2017, uno dei grandi progetti che Hubble ha reso possibile, il Frontier Fields, ufficialmente noto come Hubble Deep Fields Initiative 2012, un progetto che lo ha portato a riprendere e studiare la formazione delle prime e più deboli galassie, grazie anche all’uso di lenti gravitazionali, studiando in profondità campi relativamente “vuoti” di cielo (per ridurre interferenze di oggetti vicini) cercando galassie fortemente spostate verso il rosso e lontane da ammassi. La campagna osservativa ora si è conclusa, ma come sempre le indagini sui dati raccolti garantiranno lavoro per i ricercatori ancora per parecchio tempo.

    Per maggiori informazioni: www.nasa.gov/hubble


    Prevedere l’imprevisto… Hayabusa 2 alla scoperta di Ryugu. BepiColombo in partenza per il Pianeta di Ferro. Terra chiama Opportunity, risponderà mai il rover? Che forma può avere un alieno? 
    Tanti gli argomenti affrontati sul nuovo…

    Coelum Astronomia di ottobre
    Ora online, come sempre in formatodigitale, pdf e gratuito.

    L’indirizzo email serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento