AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
12 Novembre 2019
Ci sono 276 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 6.791 volte
    2 Commenti
    Commenta
    La sonda automatica Messenger della NASA è in orbita attorno a Mercurio soltanto da sei mesi e già ha provocato una rivoluzione nelle nostre conoscenze di quel pianeta, tanto affascinante quanto sconosciuto: pochi altri mondi del Sistema Solare sono così vicini alla Terra ma anche così irrimediabilmente diversi, lontani, alieni.

    Una delle sorprese maggiori arrivate con i dati della sonda MESSENGER, è la scoperta di un'inattesa classe di irregolari depressioni (indicate dalle frecce). Le frecce bianche indicano alcune di queste depressioni che presentano un alone chiaro e un fondo brillante. I ricercatori le hanno denominate "hollow" per distinguerle da altre depressioni (shallow) anch'esse non derivate da impatto ma di altra natura (eventi vulcanici, terreno collassato). L'immagine, rilasciata il 30 settembre, mostra delle hollow all'interno di un bacino d'impatto di 170 km di diametro. Credit: Courtesy AAAS/Science

    La sonda automatica Messenger della NASA è in orbita attorno a Mercurio soltanto da sei mesi e già ha provocato una rivoluzione nelle nostre conoscenze di quel pianeta, tanto affascinante quanto sconosciuto: pochi altri mondi del Sistema Solare sono così vicini alla Terra ma anche così irrimediabilmente diversi, lontani, alieni. Gli ultimi dati inviati dalla Messenger, tra cui le prime riprese ravvicinate degli enigmatici crateri a fosso (hollows), le prime analisi della composizione chimica della superficie e della ionosfera non fanno che approfondire la sensazione di estraneità.

    Le regioni subpolari rivelano depositi di materiali di origine vulcanica, bacini da colmamento di colate laviche, estese fino a coprire il 6% dell’intera superficie del pianeta, segno evidente di un passato vulcanismo molto attivo. L’analisi dei profili dei crateri “fantasma”, sepolti dalle colate laviche, indica spessori dei basalti fino a 2 km, tipici di bocche effusive larghe ed elongate: la sonda ha identificato alcune di queste bocche, lunghe fino a 25 km, probabilmente all’origine di una enorme attività effusiva e del singolare profilo morfologico della regione.

    Interessante come la composizione chimica delle colate sembri simile a quella della komatiite magmatica terrestre, un minerale che sulla Terra esiste ormai soltanto in tracce, memoria del suo passato geologico più remoto. I misteriosi crateri a fosso, denominati dai planetologi “hollows”, corrispondono a singolari strutture che circondano i picchi centrali di depressioni da impatto, molto diversi da quelli riscontrabili su oggetti in apparenza simili a Mercurio, come la nostra Luna. In realtà, gli hollows sono infossamenti da cui affiorano strani materiali di colorazione bluastra e di origine relativamente recente, ubiquamente diffusi sulla superficie del pianeta: forse i processi che portano alla loro formazione continuano ancora oggi, a conferma della perdurante dinamicità di un mondo ancora geologicamente attivo.

    Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Carnegie Institution of Washington

    Per quanto riguarda la composizione chimica della superficie, l’analisi degli isotopi radioattivi volatili di potassio e zolfo indica che Mercurio è più simile a Venere, Terra e Marte di quanto assomigli alla Luna, mentre la sua composizione interna ricorda quella delle condriti ricche in metalli, come il nucleo metallico del pianeta, relativamente molto esteso rispetto al mantello, lascia intuire. La debole magnetosfera di Mercurio non riesce a proteggere la superficie del pianeta dall’azione del vento solare, che impatta con violenza i poli magnetici e giunge alla superficie, contribuendo ad arricchire i componenti della tenue ionosfera. Un simile processo può rendere ragione della formazione degli hollows, che si originerebbero dal collasso dei materiali deprivati dall’evaporazione degli elementi volatili per azione del vento solare.

    Commenta

    2 Commenti a “Mercurio sempre più strano e misterioso”

    1. Tiberio scrive:

      Articolo molto interessante soprattutto per la scoperte di queste strutture (da collasso?) uniche a quanto pare nel loro genere! Ma se mi è concesso, vorrei fare un appunto all’autore dell’articolo. La komatiite non è un minerale, ma una roccia vulcanica. E dire che “…esiste soltanto in tracce” non proprio corretto. E’ solo una roccia poco comune, dal momento che non viene più prodotta dal vulcanismo terrestre da ormai 3 miliardi di anni.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento