Home Articoli e Risorse On-Line Ultima ora: ExoMars Sospeso

Ultima ora: ExoMars Sospeso

Letto 173 volte
0

E’ di qualche minuto la notizia ufficiale che il programma ExoMars è stato temporaneamente sospeso.

La notizia, nell’aria già da un pò è stata diffusa in maniera ufficiale dall’ufficio stampa ESA oggi 17 marzo alle ore 14:00.

Nel comunicato si legge come il Consiglio Direttivo dell’ESA, dopo aver valutato la situazione derivante della guerra in Ucraina ha riconosciuto all’unanimità l’attuale impossibilità di continuare la cooperazione in corso con l’agenzia Roscosmos sulla missione rover Exo Mars con il lancio previsto entro il 2022 ed ha incaricato il Direttore Generale dell’ESA a condurre uno studio accelarato per definire e valutare opzioni alternative disponibili al fine di continuare il programma.

L’ESA, cita il comunicato, in quanto organizzazione intergovernativa incaricata di sviluppare e attuare programmi spaziali nel pieno rispetto dei valori europei, deplora profondamente le vittime umane e le tragiche conseguenze dell’aggressione all’Ucraina. Pur riconoscendo l’impatto sull’esplorazione scientifica dello spazio, l’ESA è pienamente allineata alle sanzioni imposte alla Russia dai suoi Stati membri.

Inoltre, a seguito della decisione di Roscosmos di ritirare il proprio personale dallo spazioporto europeo nella Guyana francese, tutte le missioni programmate con lancio Soyuz sono state sospese. Si tratta essenzialmente di quattro missioni istituzionali per le quali l’ESA è l’ente di appalto dei servizi di lancio (Galileo M10, Galileo M11, Euclid e EarthCare) e un lancio istituzionale aggiuntivo.

Note sulla Stazione Spaziale Internazionale

Il programma della Stazione Spaziale Internazionale continua a funzionare nominalmente. L’obiettivo principale è continuare le operazioni sicure della ISS, compreso il mantenimento della sicurezza dell’equipaggio.

Qui la notizia ufficiale https://www.esa.int/Newsroom/Press_Releases/ExoMars_suspended

 

Articolo precedenteInizia la Primavera, si aprono le porte dell’INAF
Articolo successivoÈ nata una Baby Galaxy