Home News di Astronomia Nuove immagini dalla New Horizons. La complessa morfologia di Plutone

Nuove immagini dalla New Horizons. La complessa morfologia di Plutone

Letto 5.457 volte
1
Due immagini di Plutone a confronto, prese con la Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) a bordo della New Horizons. La prima del 12 aprile e la seconda dell'8 maggio. Nel mese tra le due riprese la distanza da Plutone è passata da 110 milioni di chilometri a 77 milioni di chilometri. Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

Man mano che la New Horizons si avvicina a Plutone, il pianeta si fa ovviamente più grande e più dettagliate le immagini che la potente macchina telescopica a bordo della sonda ci invia (il Reconnaissance Imager a lungo raggio – LORRI). Le nuove immagini sono state scattate tra l’8 e il 12 maggio, da una distanza di poco meno di 77 milioni di chilometri di distanza,  e rivelano dettagli di una morfologia estremamente complessa della superficie di Plutone con zone ad alto contrasto tra loro.

Le precedenti immagini erano state riprese circa un mese prima, 32 milioni di chilometri più distante, il che ci consente di avere ora una risoluzione quasi del doppio più definita e, grazie ad una tecnica di elaborazione delle immagini chiamata deconvoluzione, con la possibilità di migliorarne digitalmente i dettagli con maggiore precisione (in ogni caso, vista comunque la possibilità di introdurre artefatti elaborando le immagini, ogni dettaglio rivelato andrà poi confermato nelle prossime settimane, con le immagini riprese a distanza ravvicinata).

Ad aprile Plutone aveva già mostrato ampie zone superficiali ad alto contrasto e, tra quelle più brillanti, in particolare una zona luminosa al polo, che potrebbe indicare la presenza di una calotta polare, risultata ancora più evidente nelle nuove immagini.

Questa seconda immagine mostra una diversa faccia di Plutone ripreso il 10 maggio a confronto con l'immagine del mese precedente. Plutone compie una rotazione completa attorno al suo asse ogni 6,4 giorni terrestri, le tre immagini rilasciate ci mostrano quindi tre diferenti emisferi del pianeta nell'arco di circa una sua rotazione completa.

Alan Stern, Principal Investigator della missione: «Queste nuove immagini ci mostrano un Plutone con differenti aspetti a seconda della faccia che ci mostra, il che indica una morfologia estremamente complessa o addirittura una diversa composizione geologica delle superfici del pianeta da un luogo all’altro.

«Le immagini sembrano per ora confermare la presenza di una calotta polare, che mostra però un’estensione diversa a longitudini diverse, ma saremo in grado di avere maggiori conferme della quantità di ghiaccio presente quando cominceremo ad avere i primi dati della spettroscopia di quella regione nel mese di luglio».

Ed ecco l'ultima immagine scattata il 12 maggio, sempre a confronto con quella di aprile. Le immagini che vediamo (cliccare per averle a piena risoluzione) vengono mostrate quattro volte più grandi rispetto alle dimensioni native della LORRI. Questo perché grazie alla tecnica della deconvoluzione, è possibile migliorare i dettagli per mettere in evidenza le caratteristiche di Plutone (dettagli che andranno confermati dalle immagini delle prossime settimane, per il rischio comunque di introdurre artefatti durante l'elaborazione).

Nelle prossime settimane, con l’avvicinarsi del 14 luglio, data in cui la navicella sorvolerà Plutone, le immagini miglioreranno sempre più velocemente, assieme alla velocità della sonda, in accelerazione per l’attrazione gravitazionale del pianeta: «entro la fine di giugno, la risoluzione delle immagini sarà quattro volte migliore rispetto a quelle realizzate l’8-12 maggio, e per il momento di massimo avvicinamento ci aspettiamo di ottenere immagini con più di 5.000 volte la risoluzione corrente» ha dichiarato Hal Weaver, project scientist della missione presso la Johns Hopkins University (Maryland).

Quindi cosa riusciremo a vedere? Un pianeta estremamente irregolare, con enormi montagne e canyon o vulcani estinti? Per il momento siamo ancora troppo distanti, ma non è difficile immaginare che magnifico spettacolo attende la New Horizons pronta a fotografare Plutone e il suo sistema di lune nel mese di luglio! E noi con lei…

Leggi anche:

Articolo precedenteKEPLER-432. Una curiosa famiglia di esopianeti giganti
Articolo successivoVenere in congiunzione con l’ammasso aperto del Presepe (M44)

1 commento