Home News di Astronomia Nuove foto a colori dei due volti di Plutone

Nuove foto a colori dei due volti di Plutone

Letto 4.366 volte
0
Plutone e Caronte a colori.

New Horizons ha scattato nuove fotografie a colori di Plutone e della sua luna principale, Caronte, a dodici giorni dal loro storico incontro. Le immagini mostrano i due volti di Plutone: il cosiddetto “encounter hemisphere”, cioè l’emisfero che si presenterà a New Horizons durante l’incontro ravvicinato, e l’emisfero opposto, che scomparirà oltre l’orizzonte circa tre giorni prima che la sonda americana raggiunga il pianeta nano.

SU ‪#‎PLUTONE‬ UN GRANDE CRATERE DA IMPATTO o un semplice artefatto dovuto alle immagini ancora a bassa risoluzione e alla spinta elaborazione? Certo è che continuano a proporre intriganti misteri le immagini in arrivo dalla ‪#‎NewHorizons‬. LORRI camera, 29 giugno, ripresa quando la sonda si trovava a 18,2 milioni di chilometri dal pianeta (circa 47 volte la distanza Terra Luna) ...e a due settimane esatte dal ‪#‎PlutoFlyBy‬! (Elaborazione e commento Coelum Astronomia).

Le immagini mostrano una serie di curiose chiazze scure sull’emisfero opposto. Ognuna delle chiazze misura circa 480 chilometri in diametro e la distanza che separa le une dalle altre sembra uguale per tutte. Le chiazze si trovano in basso nell’immagine, ma in realtà giacciono quasi perfettamente lungo l’equatore: l’asse di rotazione di Plutone infatti è fortemente inclinato, quindi il volto che vediamo corrisponde in gran parte alle regioni polari. Le chiazze ricordano un po’ le aree scure, sempre situate in regioni equatoriali, mappate decenni fa da Voyager 2 sulla superficie di Tritone, ritenuto il cugino perduto di Plutone.

Le immagini sono state scattate dallo strumento pancromatico LORRI e colorate usando i dati a risoluzione minore di MVIC, un apparato dello strumento Ralph. Le immagini, data l’assenza di un filtro verde a bordo della sonda, sono state processate manualmente per renderle il più simili possibile a ciò che vedrebbe l’occhio umano.

Articolo precedenteAssociazione Astronomica Mirasole
Articolo successivoI “pozzi” di Rosetta