Home News di Astronomia Finalmente la cometa 67P/C-G a colori

Finalmente la cometa 67P/C-G a colori

Letto 8.569 volte
1
La 67P/Churyumov-Gerasimenko a colori in una compositazione di tre immagini riprese con filtri RGB da OSIRIS il 6 agosto scorso, quando Rosetta si trovava a una distanza di 120 km dalla cometa. L’immagine finale è stata ulteriormente elaborata dalla Redazione per meglio esaltare le variazioni di tonalità cromatica della sua superficie. Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Il team dello strumento OSIRIS (Optical, Spectroscopic and Infrared Remote Imaging System) di Rosetta ha rilasciato la prima immagine a colori della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Dato che la cometa tende al grigio scuro, con solo delle tenui variazioni cromatiche superficiali, per creare una foto con i “veri” colori della 67P, quelli con cui la vedrebbe l’occhio umano, è stato necessario acquisire tre diverse immagini, riprese in sequenza utilizzando filtri nelle lunghezze d’onda del rosso, del verde del blu e quindi compositarle.

Tuttavia, durante la ripresa della sequenza la cometa aveva ruotato e la sonda Rosetta si era spostata; le tre immagini risultavano quindi riprese da angolazioni diverse e leggermente ruotate l’una rispetto all’altra. Per questo motivo si è reso necessario il lungo e paziente lavoro di riallineamento che ha comportato questo ritardo nel rilascio della prima immagine a colori della cometa.
.

«Come si è visto, la 67P / CG sembra grigio scuro, in realtà, quasi nera come il carbone», ha commentato Holger Sierks dell’Istituto Max Planck e Principal Investigator dello strumento.

Una prima analisi più dettagliata rivela, tuttavia, che la cometa riflette la luce rossa in maniera più efficiente rispetto alle altre lunghezze d’onda. Si tratta di un fenomeno ben noto, osservato anche in molti altri piccoli corpi del Sistema solare e causato delle piccole dimensioni dei grani di polvere della superficie.
Ulteriori studi, utilizzando altre combinazioni dei 25 filtri di cui è dotato OSIRIS, permetteranno di rilevare la presenza dei diversi minerali in questa polvere e di capirne la composizione.

Articolo precedenteAl Planetario di Ravenna
Articolo successivoStazione Spaziale, i più spettacolari transiti del periodo

1 commento