Home News di Astronomia Chang’e-3 fotografa la Terra

Chang’e-3 fotografa la Terra

Letto 5.274 volte
3

La missione cinese Chang’e-3 si trova sulla Luna già da un mese e l’Accademia cinese delle Scienze ha deciso di rilasciare alcune delle immagini scattate negli ultimo periodo dal lander e dal rover Yutu. Chang’e-3 è la missione che segna la prima volta della Cina sulla Luna: è il terzo paese al mondo ad aver mandato con successo una navicella spaziale sul morbido suolo lunare dopo gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

Una delle immagini più emozionanti è forse quella che ritrae la Terra, scattata il giorno di Natale. Un’immagine così non si era forse mai vista. E poi una ripresa agli ultravioletti della plasmasfera della Terra.

La Terra vista dalla Luna. La fotografia risale al giorno di Natale. Crediti: Chinese Academy of Sciences

Ripresa agli ultravioletti della plasmasfera, la parte della magnetosfera più interna e quindi più vicina alla Terra. Crediti: Chinese Academy of Sciences

Ecco alcune delle più belle immagini di Chang’e-3 e di Yutu, il primo rover lunare cinese che esplorerà la superficie del nostro satellite naturale dopo quasi 40 anni dall’ultima missione.

Yutu fotografato dal lander Chang’e-3 il 22 dicembre 2013. Crediti: Chinese Academy of Sciences
Il rover Yutu fotografato il 15 dicembre 2013. Crediti: Chinese Academy of Sciences
Il rover Yutu fotografato il 15 dicembre 2013. Crediti: Chinese Academy of Sciences

Poi alcune composizioni a 360° scattate da Chang’e-3 e di Yutu mentre si riprendono a vicenda.

Il paesaggio a 360° attorno al lander Chang’e-3, dopo che Yutu è completamente sceso sulla superficie lunare. Credit: Chinese Academy of Sciences
Il paesaggio lunare visto con gli occhi di Yutu, mentre si allontana dal lander (che si vede in alto nell’immagine). Crediti: Chinese Academy of Sciences

Infine un’immagine scattata durante la fase di allunaggio, il 14 dicembre scorso, pochi minuti prima di toccare il suolo su Mare Imbrium, vicino alla regione Sinus Iridum.

Crediti: Chinese Academy of Sciences

Articolo precedenteAl Planetario di Ravenna
Articolo successivoAssociazione Ligure Astrofili Polaris

3 Commenti