Home News di Astronomia Aggiornamenti JWST: a che punto siamo?

Aggiornamenti JWST: a che punto siamo?

Letto 883 volte
0

JWST: continuano le operazioni di allineamento degli specchi

Aggiornamento del 1 aprile 2022

No, non è un “Pesce di aprile“!
In questa data, la NASA ha annunciato che il Webb ha completato il primo allineamento multi-strumentale.

Che cosa si intende? Il JWST ospita diversi strumenti a bordo.

Ne parliamo in dettaglio nell’ultimo numero di Coelum: nel n. 255 troverete infatti un ricco dossier dedicato a questo incredibile telescopio spaziale

Il 1 di aprile si è conclusa la sesta fase di allineamento degli specchi del JWST. Mentre il Mid-Infrared Instrument (MIRI) continua il suo raffreddamento, gli scienziati hanno allineato con successo il resto degli strumenti di bordo collegati agli specchi di Webb.

Le precedenti fasi di allineamento erano state così accurate che gli ingegneri hanno valutato che non sono necessarie ulteriori regolazioni allo specchio secondario fino alla settima e ultima fase, che coinvolgerà MIRI quando si sarà completamente raffreddato.

Il MIRI è uno strumento che lavora nel medio-infrarosso (da 4.9 a 28.8 micron). I suoi rilevatori devono trovarsi a una temperatura inferiore a 7 gradi Kelvin (-266 °C) per funzionare correttamente. Non è possibile raggiungere questa temperatura sul Webb, se non grazie a un innovativo criorefrigeratore dedicato proprio al raffreddamento dei rivelatori MIRI.

Per gestire il processo di raffreddamento, MIRI dispone anche di un sistema di riscaldamento a bordo, per proteggere i suoi componenti sensibili dal rischio di formazione di ghiaccio. Il team di ricercatori ha iniziato a regolare progressivamente sia il criorefrigeratore che questi strumenti di riscaldamento, per garantire un raffreddamento lento, controllato e stabile per lo strumento.

Clicca sull’immagine e segui l’avanzamento della missione sul sito dedicato della NASA! www.webb.nasa.gov

Una volta che MIRI si sarà completamente raffreddato alla sua temperatura operativa, si verificherà un secondo allineamento multi-strumentale per apportare le regolazioni finali agli strumenti e agli specchi – se necessario -.

Quando il telescopio sarà completamente allineato e sarà in grado di fornire luce focalizzata a ciascun strumento, si verificherà un incontro chiave tra i tecnici per confermare la fine dell’allineamento di tutti i componenti del telescopio spaziale. Si passerà quindi alla messa in servizio di ogni strumento per le operazioni scientifiche, che dovrebbero iniziare questa estate.

Le premesse non sono male!

L’immagine scattata dal telescopio spaziale James Webb durante il suo processo di allineamento mostra galassie e stelle sullo sfondo. (Credit: NASA/STScI)

Questa prima prova è stata superata alla grande!

L’immagine, risalente all’11 marzo scorso, annuncia la fine di una delle fasi chiave della messa in servizio di Webb: ogni parametro ottico è stato controllato e testato e ha dimostrato prestazioni pari o superiori alle aspettative.

I tecnici, inoltre, non hanno riscontrato problemi critici e nessuna contaminazione misurabile, né blocchi nel funzionamento. Il telescopio è in grado di raccogliere con successo la luce da oggetti distanti e consegnarla ai suoi strumenti senza problemi.

Sebbene manchino mesi prima che Webb fornisca la sua nuova visione del Cosmo, il raggiungimento di questo primo traguardo è davvero un grande successo.

Aspettiamo con trepidazione nuovi sviluppi!

Per approfondire:

Dov’è Webb?

Articolo precedentePer chi ha scelto il servizio postale: Coelum in arrivo!
Articolo successivoFulmine sul razzo di Artemis I – il video