Home Articoli e Risorse On-Line Il saluto a Tito Stagno, la voce che ci accompagnò sulla Luna

Il saluto a Tito Stagno, la voce che ci accompagnò sulla Luna

Letto 200 volte
0

«Ha toccato! Ha toccato in questo momento il suolo lunare»

Questa frase risuona ancora per molti italiani che hanno assistito in diretta allo sbarco sulla Luna del 20 luglio 1969.

Ad accompagnarci fu lui, Tito Stagno, storico giornalista del servizio pubblico. Si è spento ieri, il 1 Febbraio, all’età di 92 anni.

credit foto: ansa

Tito Stagno fu volto e voce tra i più noti di Rai1. Nel 1957 si era appassionato alla vicenda dello Sputnik, lanciato in quell’anno: «Me ne occupai io e da allora quel settore in ascesa divenne un po’ il mio» così raccontava.

Passò alla storia per la diretta di oltre 25 ore dallo studio 3 di via Teulada, in collegamento con Houston dove c’era Ruggero Orlando, per seguire lo sbarco sul nostro satellite. È diventata “leggenda” la storia del “battibecco” avuto proprio con Orlando durante la telecronaca dell’allunaggio. «Eravamo molto molto amici: comunque, anche per motivi tecnici, io diedi la notizia 20 secondi prima di lui» ricordava Stagno con un sorriso.

Di quella storica diretta il giornalista ricordava spesso con nostalgia il sentore di «una stagione di entusiasmi, di coraggio, di desiderio di conoscenza che si rivelò poi troppo breve».

 

«Ho un ricordo fortissimo di Tito Stagno, la notte dell’allunaggio nel luglio 1969, avevo 6 anni ed ero già innamorato dello spazio» racconta presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia «Ho un solo rammarico: non essere riuscito a farmi una chiacchierata con lui. Più volte ho sfiorato l’opportunità di incontrarlo ma non sono riuscito».

«Ho conosciuto Tito Stagno ed è stato un incontro simpatico, abbiamo partecipato ad una iniziativa insieme: era entusiasta dello spazio come fosse un giovanotto nonostante l’età, abbiamo chiacchierato per un bel po’» ricorda l’ex astronauta italiano Umberto Guidoni.

«Sono dispiaciutissimo per la scomparsa di Tito Stagno che è stato testimone di un’epoca» le parole di Franco Malerba, primo astronauta italiano.

Coelum Astronomia si unisce all’ultimo saluto di questa iconica voce del giornalismo italiano.

 

Fonti

https://www.rainews.it/
https://www.lastampa.it/

Articolo precedenteMisterioso segnale radio nella Via Lattea
Articolo successivoTempeste solari nel ghiaccio