Home Articoli e Risorse On-Line HOO vs SHO

HOO vs SHO

Letto 243 volte
0
Coelum Astronomia n°259

livello di difficoltĂ  đź”´đź”´â­•â­•â­• abbastanza semplice

Fin dai primi giorni che ho iniziato a fare astrofotografia, uno dei miei obiettivi era arrivare ad elaborare immagini in Hubble palette, una composizione di colori molto bella e affascinante che ha anche una finalità scientifica. Per questo motivo a metà Giugno di quest’anno ho deciso di acquistare un filtro SII (Zolfo ionizzato) per provare a fare un po’ di banda stretta con la mia camera a colori, avendo già a disposizione un filtro dual-band dal quale poter estrarre i segnali dell’Idrogeno e dell’Ossigeno ionizzati, completando il tutto con un filtro a banda larga per prendere il colore delle stelle.
La palette di Hubble è un tipo di tecnica elaborativa ideata dai tecnici della NASA per mettere in risalto i tre gas più importanti che compongono le nebulose ad emissione, ossia Zolfo (simbolo chimico S), Idrogeno (H) e Ossigeno (O). Questo è possibile assegnando arbitrariamente il segnale dello Zolfo al canale rosso (R), il segnale dell’Idrogeno al canale verde (G) e il segnale dell’Ossigeno al canale blu (B), ottenendo un’immagine RGB in falsi colori che viene indicata con la sigla SHO, dai simboli chimici dei gas ionizzati.

Nella composizione che vedere di seguito ho voluto mettere a confronto la classica palette bicolor HOO, che generalmente si fa con le camere a colori, con la palette SHO di 12 nebulose molto diverse tra loro, sia per composizione chimica che per luminosità superficiale. L’immagine racchiude tutto quello che sono riuscito a fare da casa in 4 mesi puntando i miei 2 telescopi (Konus 200/1000 e SW Evostar 80ED) verso nebulose a Nord/Nord-Est situate nelle costellazioni di Cefeo, Cassiopea, Perseo e Auriga e sfruttando ogni piccolo sprazzo di cielo sereno. In totale, sono riuscito a macinare 265h e 49min di integrazione con i filtri L_eXtreme (da poco sostituito da L_Ultimate), SII e UV/IR-cut.

La composizione completa ed in HD è pubblicata in Coelum Astronomia n°259 di dicembre 2022/2023

Se sei abbonato, se hai già acquistato la copia 259, se sei già un utente QUASAR… NON DEVI FARE NULLA! Ci occuperemo noi della spedizione e di rendere disponibile il file per la consultazione.

👉👉👉👉👉 Se invece non sei un lettore di Coelum SEI ANCORA IN TEMPO!

Scegli una delle opportunitĂ  qui sotto:

  1. Approfitta della PROMO POSTER sottoscrivendo l’abbonamento ora oltre all’offerta scontata riceverai alla prima spedizione il POSTER ASTRONOMICO Elephant Nebula e l’ALMANACCO 2023! CLICCA QUI
  2. Iscriviti alla Community! Per info sui costi e servizi CLICCA QUI
  3. Acquista la singola copia di Coelum Astronomia n°259 di dicembre 2022/gennaio 2023.

Attenzione: per usufruire del servizio postale – Spedizione Standard – è necessario completare l’acquisto entro e non oltre il 25 novembre p.v. Il servizio postale NON GARANTISCE la consegna e la tracciabilità del pacco, tempi medi di consegna 15 giorni.

Puoi abbonarti con Spedizione Standard qui

 

Articolo precedenteAPOD riproporzionata da Cristian Fattinnanzi
Articolo successivoMONOCEROS – Dalle Costellazioni alle ProfonditĂ  del Cosmo