Home Articoli pubblicati su Coelum M2 l’era degli ammassi globulari – n. 255 Coelum Astronomia

M2 l’era degli ammassi globulari – n. 255 Coelum Astronomia

Letto 45 volte
0
Dopo la Nebulosa del Granchio, rappresentante tipica dei residui di supernova, il secondo oggetto del Catalogo compilato dall’astronomo francese (“Messier 2”) inaugura una nuova tipologia di corpi celesti, quella degli ammassi globulari: un insieme sferico di centinaia di migliaia o anche milioni di stelle, tutte concentrate in un volume di decine di anni luce di diametro.

Gli ammassi globulari sono fra i più antichi, compatti e densi sistemi stellari oggi conosciuti.

La loro lunghissima storia inizia all’alba dell’universo e ci racconta come il processo di formazione di questi gruppi di stelle si sia già completato un miliardo di anni dopo il Big Bang. Purtroppo non esiste ancora una spiegazione convincente di come tutto questo sia avvenuto. Le teorie sono tante e la più intuitiva è quella che li considera i mattoni costitutivi delle galassie.

Se così fosse, i 161 globulari che orbitano ancora intorno alla Via Lattea a distanze di decine di migliaia di anni luce, dovrebbero essere interpretati come i superstiti di uno sciame che doveva un tempo comprenderne milioni.

Gli ammassi globulari ruotano attorno al nucleo di una galassia su orbite di elevata eccentricità e alta inclinazione rispetto al piano galattico, con tempi di rivoluzioni dell’ordine del centinaio di milioni di anni.

In questo articolo verrà raccontata la storia della scoperta e classificazione di M2; la posizione nel cielo e le tecniche osservative di questo oggetto stellare così affascinante.

L’articolo completo disponibile sul n. 255 Aprile-Maggio

⭐ Acquista la tua copia ⭐

Articolo precedenteHYDRA part. 1 Una costellazione timida ma ricca di sorprese – n. 255 Coelum Astronomia
Articolo successivoIl punto sulla fosfina su Venere – n. 255 Coelum Astronomia