Home Appuntamenti del Mese Mostre e Incontri Meeting Corpi Minori UAI – Asteroidi, Comete, Meteore

Meeting Corpi Minori UAI – Asteroidi, Comete, Meteore

Letto 3.646 volte
0

volantino congresso completoIl “Meeting Corpi Minori UAI“, si svolgerà presso l’Osservatorio Astronomico “Beppe Forti” a Montelupo Fiorentino, in località San Vito in Fior di Selva, via di San Vito, in data 23/24 Giugno 2018.

Il meeting prevede interventi di astronomi ed astrofili provenienti da tutta Italia che si occupano dei corpi minori del Sistema Solare (asteroidi, comete e meteore) volti ad esporre e condividere nuove conoscenze e tecnologie per la ricerca astronomica nel settore.

L’evento è organizzato dai capi sezione Asteroidi Comete e Meteore dell’Unione Astrofili Italiani (PAOLO BACCI, GIANNANTONIO MILANI ed ENRICO STOMEO) e dal Gruppo Astrofili Montelupo, che ospitertà ed organizzerà il meeting sul territorio.

Per eventuali adesioni ed informazioni la mail di riferimento è osservatoriobeppeforti@gmail.com mentre il sito di riferimento è la pagina Facebook “Gruppo Astrofili Montelupo“. Contatti di riferimento dell’organizzazione: Maura Tombelli, Giorgio Interrante, Alex Mazzanti, Matteo Lombardo, Rita Alessandro e Fabio Grosso.

Programma:

Venerdì 22 giugno, ore 21:30

Porte aperte all’Osservatorio: Le scie del cielo.

Breve introduzione ai corpi minori del Sistema Solare e Osservazioni al telescopio.

Sabato 23 giungo

Meeting Corpi Minori UAI

9.30: Accreditamento
10:00: Benvenuto e saluto delle Autorità
10:20: Sezione Asteroidi
11:30: Pausa Caffè
11:40: Foto di Gruppo
11:45: Sezione Meteore
13:00: Pranzo (tradizionale pic-nic: ognuno porta qualcosa)
15:00: Sezione Comete UAI e CARA Project
16:30: Pausa Caffè
17:00: Conferenza Marco Fulle
20:00: Cena sociale in ristorante convenzionato

Domenica 24 giugno

10:00: Sezione Comete UAI e CARA Project
11:30: Pausa caffè
11:45: Sezione Asteroidi
13:00: Fine dei lavori e saluti

N.B.: Il programma è in fase di definizione, gli orari pertanto potranno subire delle oscillazioni.

Articolo precedenteLa Tempesta Perfetta su Marte?
Articolo successivoHayabusa2 si avvicina all’asteroide Ryugu